Voto - Programmi a confronto su tlc e media

sabato 12 aprile 2008 12:06
 

(Reuters) - Attualmente è in vigore la legge Gasparri, approvata in via definita al Senato sotto l'ultimo governo Berlusconi.

La legge fissa limiti antitrust in base al sistema integrato delle comunicazioni (Sic), un nuovo "paniere" di cui fanno parte canone, pubblicità nazionale e locale, sponsorizzazioni, televendite, telepromozioni, promozioni di propri prodotti e servizi, offerte televisive a pagamento, stampa quotidiana e periodica, editoria elettronica su Internet.

Secondo la legge, nessun operatore può conseguire ricavi superiori al 20% delle risorse complessive del Sic e può controllare più del 20% dei programmi tv o radio via frequenze terrestri.

Il tetto antitrust scende al 10% del Sic per gli operativi i cui ricavi superano il 40% di quelli complessivi del mercato.

La legge -- finita poi nel mirino dell'Ue perché alcune parti sono considerate in contrasto con il diritto comunitario -- è stata "corretta" dal ddl del ministro delle Comunicazioni uscente Paolo Gentiloni, mai approvato dal parlamento sotto il governo di Romano Prodi.

**Tra i punti salienti della Gentiloni: il posticipo del passaggio al digitale per tutta la tv analogica al 2012, il trasloco anticipato sul digitale terrestre di una rete Mediaset e una rete Rai e la fissazione del tetto del 45% della raccolta pubblicitaria per definire una posizione dominante, il cui superamento prevede la riduzione dell'affollamento pubblicitario.

La legge prevede inoltre l'inserimento delle telepromozioni nel conteggio dei limiti di affollamento, come da richieste Ue e riduce la torta su cui calcolare i limiti antitrust.

Di seguito le principali iniziative e proposte nei programmi politici in ambito di telecomunicazioni e media da parte dei vari schieramenti in vista delle elezioni del 13 e 14 aprile.

***IL POPOLO DELLE LIBERTÀ del candidato premier Silvio Berlusconi vuole regole europee nel settore dei media: pluralismo e concorrenza, valorizzazione delle produzioni europee, completamento del passaggio alla tecnologia digitale.   Continua...

 
<p>Alcuni schermi piatti in una fiera. REUTERS</p>