Computer, scienziati sviluppano nuovo circuito di memoria

giovedì 1 maggio 2008 14:56
 

di Julie Steenhuysen

CHICAGO (Reuters) - Ci sono voluti circa 40 anni per trovarlo, ma gli scienziati della Hewlett-Packard hanno detto di avere scoperto ieri un quarto tipo base di circuito elettrico che potrebbe portare ad un computer che non va mai riavviato.

La scoperta rende concreto ciò che finora era solo teoria, e potrebbe salvare milioni di persone dalla noia dell'attesa che il computer si riavvii, dicono i ricercatori.

Secondo la teoria dei circuiti elettronici, ci sono tre elementi fondamentali in un circuito passivo: resistori, capacitori e induttori.

Ma negli anni Settanta Leon Chua della University of California a Berkeley teorizzò l'esistenza di un quarto elemento, il resistore di memoria o "memristor", ed elaborò le equazioni matematiche che lo esprimevano.

Ora un team della Hp guidato da Stanley Williams ha provato che questo elemento esiste. Ha sviluppato un modello matematico e un esempio fisico di memristor, che descrive nella rivista Nature.

"E' molto diverso da qualunque altro dispositivo elettrico", ha detto Williams in un'intervista telefonica a proposito del suo memristor. "Nessuna combinazione di resistore, capacitore o induttore può dare quella proprietà".

Williams confronta quella proprietà all'acqua che scorre in un tubo per innaffiare. In un circuito regolare, l'acqua scorre da più di una direzione.

Ma in un resistore di memoria, il tubo ricorda in quale direzione l'acqua (o la corrente) sta scorrendo, e si espande in quella direzione per migliorare il flusso.

"Ricorda sia la direzione che la quantità di carica che scorre... E' la memoria", ha spiegato Williams, secondo il quale la scoperta potrebbe, appunto, portare allo sviluppo di un computer che non abbia bisogno del "boot up", perché una volta riacceso tornerebbe automaticamente al punto in cui si trovava nel momento dello spegnimento.

 
<p>Un simulatore di volo di Microsoft su schermo Voodoo HP. REUTERS/Steve Marcus</p>