Genitori scozzesi nei guai per aver comprato nome dominio Narnia

lunedì 16 giugno 2008 11:46
 

LONDRA (Reuters) - Una famiglia scozzese è rimasta invischiata in una disputa sulla proprietà intellettuale dopo aver comprato un nome di dominio Internet "Narnia" per regalarlo al proprio bimbo per il suo decimo compleanno.

Richard e Gillian Saville-Smith, di Edimburgo, hanno acquistato per 70 sterline (circa 90 euro) il nome di dominio Narnia.mobi dalla compagnia di registrazione Internet Fasthosts nel 2006, così che il proprio figlio potesse utilizzarlo per il proprio indirizzo di posta elettronica.

Quando è stato chiesto loro di restituire il nome di dominio alla C.S. Lewis company, che gestisce il patrimonio dello scrittore, Richard e Gillian si sono rifiutati. E così, la famiglia ha ricevuto un atto di citazione di 128 pagine redatto dall'Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (Wipo), che ha sede in Svizzera.

"L'abbiamo mantenuto per fare una sorpresa al nostro bambino per il suo compleanno, in modo che coincidesse con l'uscita del film", ha detto la signora Saville-Smith, riferendosi all'uscita nelle sale britanniche di "Le cronache di Narnia: il Principe Caspian" di Walt Disney, il prossimo 19 giugno.

Non è ancora stato possibile avere un commento sulla vicenda da Baker & McKenzie, lo studio legale che rappresenta la proprietà di C.S. Lewis.

"Principe Caspian", il secondo di una serie di film basati sui libri "Narnia" di Lewis, segue la prima pellicola del 2005 "Il Leone, la Strega e l'Armadio".

"Tutta la nostra famiglia ama C.S. Lewis, credo si sia rivoltato nella tomba per quanto è successo", ha aggiunto la signora Saville-Smith, poetessa scozzese vincitrice di premi letterari.

La famiglia dovrà rispondere a Wipo entro il 23 giugno, mentre l'organizzazione si pronuncerà entro un mese.

 
<p>Gli attori britannici Anna Popplewell e Ben Barnes alla prima di New York del film Disney "Le Cronache di Narnia: Principe Caspian", il 7 maggio 2008. REUTERS/Lucas Jackson (Usa)</p>