Usa, tecnologia made in Italy per pubblicità con video online

giovedì 7 agosto 2008 11:16
 

MILANO (Reuters) - Una nuova tecnologia made in Italy, in grado di aggregare ed analizzare le preferenze degli utenti di Internet in fatto di video, rilevandone i contenuti, potrebbe dare un'opportunità di sviluppo al settore delle inserzioni pubblicitarie mirate e collegate ai video stessi.

E' quanto propone Your Truman Show, Inc., (www.yourtrumanshow.com), società di San Francisco fondata e gestita da imprenditori italiani, che nei giorni scorsi ha presentato Taglift (www.taglift.com), tecnologia in grado di aggregare in modo anonimo i comportamenti di utenti di diversi social network (come MySpace) e siti di video online come YouTube. Registrando le preferenze di milioni di utenti, spiega una nota, Taglif ha realizzato un indice di decine di milioni di video web e di profili di utenti anonimi e delle loro preferenze attraverso diverse network multipli.

Questo database incrociato potrebbe consentire di individuare il livello di interesse che i video hanno per gli utenti e di conseguenza "monetizzarne" il valore per quanto riguarda le inserzioni pubblicitarie allegate automaticamente online ai video stessi.

"Nessuno ha ancora trovato un modo per monetizzare su grande scala i video online, nemmeno YouTube. Noi abbiamo un approccio che potrebbe avvicinare parecchio il mercato a questo obiettivo", ha detto a Reuters Matteo Fabiano, general manager di Your Truman Show, start up costituita in California, quartier generale a San Francisco, sviluppo ed engeneering a Torino. Un progetto partito a fine 2006, con sviluppo iniziato nella prima meta' del 2007, un portale in beta un anno fa ed ora i primi prodotti.

Presentando nei giorni scorsi la nuova tecnologia alla 17a Annual Aspen Institute Roundtable on Information Technology, informa una nota, Arturo Artom, torinese, fondatore e presidente di YourTrumanShow ha affermato che: "il video sul web può essere monetizzato su larga scala ed efficacemente. C'e' solo il bisogno dei giusti strumenti per far scattare l'inserzione pubblicitaria giusta rivolta al pubblico giusto. La nostra tecnologia apprende dall'utilizzo di contenuti degli utenti, confrontandoli con contesto e dati invisibili. Se la qualità è buona, scatta il via libera all'inserzione giusta".

 
<p>REUTERS/Jacky Naegelen</p>