Giovane thailandese rapina e uccide ispirandosi a videogioco

lunedì 4 agosto 2008 10:29
 

BANGKOK - Un teenager thailandese ha confessato di aver rapinato e ucciso un tassista nel tentativo di imitare una scena del discusso videogioco "Grand Theft Auto". Lo ha reso noto la polizia.

Lo studente diciottenne, ora fermato in attesa di giudizio mentre le indagini proseguono, rischia la pena di morte, eseguita con un'iniezione letale, se verrà riconosciuto colpevole dell'uccisione di un tassista di 54 anni, accoltellato lo scorso fine settimana.

La polizia ha detto che il giovane, giocatore ossessivo del videogame, non ha mostrato segni di squilibrio mentale durante gli interrogatori ed ha ammesso esplicitamente di aver commesso il delitto ispirandosi al gioco.

"Ha detto di avere voluto provare a vedere se fosse facile nella vita reale rapinare un taxi come si fa nel gioco", ha detto a Reuters l'investigatore capo Veeravit Pipattanasak.

Il giovane, descritto dai genitori come diligente e per bene, era stato arrestato sabato su un taxi rapinato, con il tassista sul sedile posteriore gravemente ferito a coltellate. Il giovane ha detto alla polizia che non voleva uccidere ilo tassista ma di averlo accoltellato quando questi ha reagito alla rapina.

"Grand Theft Auto", ora disponibile nella quarta edizione, è stato ampiamente criticato per i suoi contenuti di violenza compresi pestaggi, pestaggi, sparatorie, guida in stato di ebbrezza e prostituzione.

 
<p>Il giovane thailandese arrestato per aver ucciso un tassista e per una serie di violenze ispirate al videogioco ""Grand Theft Auto" replica le sue azioni davanti alla polizia nel corso dell'incidente probatorio. La foto &egrave; stata scattata ieri. REUTERS/Stringer</p>