Csm radia giudice che con suoi ritardi fece scarcerare mafiosi

lunedì 16 giugno 2008 18:48
 

ROMA (Reuters) - La sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura ha radiato oggi dall'ordine giudiziario il magistrato Edi Pinatto per "ritardo ingiustificabile" nello svolgimento del suo lavoro, secondo quanto riferito da fonti giudiziarie.

A causa del ritardo di oltre otto anni accumulato da Pinatto nel depositare le motivazioni di una sentenza emessa a Gela, qualche mese fa erano stati scarcerati alcuni componenti di un clan mafioso siciliano.

Con la decisione di oggi, secondo le fonti, il Csm ha accolto le richieste avanzate dal procuratore di Cassazione Eduardo Scardaccione, che aveva chiesto la rimozione di Pinatto.

Il magistrato radiato ha ora tre mesi per impugnare la sentenza davanti alle sezioni unite della Cassazione.

L'azione a carico di Pinatto era stata sollecitata dall'ex ministro della Giustizia Clemente Mastella.

<p>L'ex ministro della Giustizia Clemente Mastella REUTERS/Chris Helgren</p>