Siria, offensiva truppe precede scadenza per cessate-fuoco

martedì 10 aprile 2012 07:55
 

BEIRUT, 10 aprile (Reuters) - Le truppe siriane hanno bombardato i villaggi, sparato ai confini e sono state accusate di massacri nelle ore che precedono l'ultimatum, fissato per oggi, per il cessate-il-fuoco chiesto dall'Onu.

A Damasco, il presidente siriano Bashar al-Assad non ha detto nulla ieri che lasci intendere se onorerà gli impegni presi con l'inviato speciale di Onu e Lega araba Kofi Annan per iniziare il ritiro delle truppe dalle città oggi.

Le richieste avanzate ieri da Assad, tra cui garanzie scritte da parte dei ribelli, alimentano dubbi sul fatto che possano esser rispettati gli impegni presi con Annan.

Secondo i dati Onu le forze siriane hanno ucciso oltre 9.000 persone in 13 mesi, mentre il governo di Assad afferma che i ribelli hanno provocato la morte di oltre 3.000 tra soldati e membri del personale di sicurezza.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia