Borsa Usa pesante con finanziari e ciclici, giù Lehman e JpM

lunedì 25 agosto 2008 20:57
 

NEW YORK (Reuters) - Gli indici di Wall Street proseguono molto deboli, zavorrati dai timori sull'impatto dell'onda lunga del credit crunch e dai segnali di ulteriore rallentamento dell'economia mondiale.

Il quadro è reso ancor più fosco dal rimbalzo dei prezzi del petrolio, che rilancia le preoccupazioni su un incremento dei costi energetici, con conseguente flessione della spesa per consumi.

Ma è soprattutto il settore finanziario a scandire il passo. American International Group, la maggiore compagnia assicurativa al mondo, lascia sul terreno oltre il 5% dopo che Credit Suisse ne ha tagliato il target price e le stime sugli utili del terzo trimestre.

Lehman Brothers cade del 7% circa dopo che il presidente dell'authority che vigila sul sistema finanziario in Corea ha bocciato l'ipotesi che la Korea Development Bank acquisisca la banca d'affari Usa.

Il taglio dell stime sulla crescita mondiale nel 2008 e nel 2009, varato dal Fondo Monetario Internazionale, pesa sui titoli ciclici: Caterpillar, per esempio, scende di quasi il 3%.

Fannie Mae, +5% circa, e Freddie Mac, +18% circa, hanno rallentato il passo dopo che, da un filing alla Sec, è emerso che Jp Morgan & Chase (oltre -3%) - che ha in mano titoli delle due agenzie semi-pubbliche per circa 1,2 miliardi di dollari - ha registrato un calo nel valore dell'investimento di 600 milioni di dlr nel terzo trimestre.

Gli investitori temono che il rallentamento della crescita impatterà pesantemente anche sul settore tecnologico: Apple lascia sul terreno il 2% circa.

Attorno alle 19 italiane, il Dow Jones perde l'1,8%, lo S&P 500 l'1,74% e il Nasdaq l'1,94%.

 
<p>Dettaglio della facciata esterna della Borsa di New York. REUTERS/Brendan McDermid (Usa)</p>