Parmalat, pm Milano chiede sanzioni e confische a banche estere

lunedì 17 gennaio 2011 12:17
 

MILANO, 17 gennaio (Reuters) - La procura di Milano, al termine della requisitoria del processo per aggiotaggio nel crack Parmalat (PLT.MI: Quotazione) a carico di quattro banche straniere, ha chiesto oggi la condanna degli istituti di credito a una sanzione di 900.000 euro ciascuna e alla confisca dei profitti ritenuti illeciti.

In particolare il pm Eugenio Fusco, oltre alla sanzione, ha chiesto che vengano confiscati 14 milioni di euro a Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione), 70 milioni di euro a Citigroup (C.N: Quotazione), 30 milioni e 705.000 euro a Bank of America (BAC.N: Quotazione) e 5,9 milioni di euro a Morgan Stanley (MS.N: Quotazione).

La procura ha inoltre chiesto la condanna rispettivamente a un anno e un anno e quattro mesi per i due funzionari di Morgan Stanley imputati. Stesse richieste per i due funzionari di Deutsche, un anno e quattro mesi per il funzionario di Citigroup, mentre per il funzionario di Credit Suisse First Boston è stato chiesto il riconoscimento della prescrizione del reato.

Le banche sono state processate per la responsabilità amministrativa nei confronti delle condotte illecite dei propri funzionari per effetto della legge 231.

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Parmalat, pm Milano chiede sanzioni e confische a banche estere | Fondi | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    21,291.72
    -0.37%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,559.88
    -0.23%
  • Euronext 100
    1,028.14
    +0.00%