Parmalat, procura Milano deposita appello contro sentenza Tanzi

mercoledì 17 giugno 2009 18:02
 

MILANO, 17 giugno (Reuters) - La procura di Milano ha depositato oggi un appello contro la sentenza di primo grado emessa lo scorso dicembre nel processo Parmalat (PLT.MI: Quotazione) per aggiotaggio, in cui l'ex patron del gruppo Calisto Tanzi è stato condannato a 10 anni di carcere e altri sette imputati prosciolti.

Lo hanno riferito oggi fonti giudiziarie.

Lo scorso 18 dicembre, i giudici del Tribunale di Milano hanno condannato Tanzi e prosciolto tutti e sette gli altri imputati nel processo Parmalat mentre all'ottavo imputato, la società Italaudit (ex Grant Thornton), è stata invece comminata una multa.

Nelle motivazioni dell'appello, la procura chiede una condanna maggiore per Tanzi, per il quale ritengono che debba essere riconosciuta la colpevolezza anche per alcuni comunicati emessi da Parmalat nel 2002 e il 15 maggio 2003.

La procura del capoluogo lombardo chiede inoltre la condanna di tre ex dipendenti di Bank of America (BAC.N: Quotazione), Luca Sala, Luis Moncada e Antonio Luzi e dell'ex manager Giovanni Bonici, e degli ex amministratori Paolo Sciumé e Luciano Silingardi, tutti prosciolti in primo grado. I pm sollecitano inoltre la condanna per responsabilità oggettiva di Bank of America, che era stata prosciolta.