Chrysler in udienza mentre cresce l'opposizione dei creditori

venerdì 1 maggio 2009 15:55
 

NEW YORK, 1 maggio (Reuters) - Chrysler si presenta oggi in tribunale per ottenere il permesso di continuare a pagare i dipendenti, mentre aumenta l'opposizione da parte di alcuni dei suoi creditori al piano di ristrutturazione.

Un gruppo di circa 20 creditori che ha lasciato scadere i termini fissati dal governo per un accordo, ha detto ieri sera di aver in programma di opporsi al piano di riorganizzazione della società, che metterà gli asset principali di Chrysler in una società di proprietà dei suoi lavoratori, di Fiat FIA.MI e dei governi Usa e canadesi.

Chrysler ha depositato i documenti per la bancarotta controllata ieri a New York e ha svelato il nuovo piano, che però richiede l'approvazione della Bankruptcy Court americana.

La società sostiene nei documenti presentati in tribunale che la transazione proposta è l'unico modo per evitare la liquidazione della casa automobilistica, fondata 83 anni fa.

Nell'agenda per l'udienza di oggi ci sono le cosiddette "mozioni del primo giorno" che consentiranno a Chrysler di continuare ad operare. La società ha circa 38.500 dipendenti negli Stati Uniti.