Crisi, Obama rimprovera dirigenti Wall Street per bonus d'oro

venerdì 30 gennaio 2009 08:12
 

WASHINGTON, 30 gennaio (Reuters) - Il presidente Usa Barack Obama ha rimproverato i dirigenti di Wall Street per essersi presi grossi bonus in un momento in cui il sistema finanziario è al collasso.

Obama, il suo vice e il suo portavoce hanno criticato, in varie dichiarazioni, il comportamento dei vertici delle aziende dopo che l'autorità di controllo di New York ha annunciato che nel 2008 sono stati pagati bonus per 18,4 miliardi di dollari, proprio in un momento in cui si chiedono sacrifici ai contribuenti americani.

"Questo è il massimo dell'irresponsabilità. E' vergognoso", ha detto Obama ai reporter dopo un incontro con il segretario del Tesoro Timothy Geithner e il vicepresidente Joe Biden.

Il portavoce della Casa Bianca Robert Gibbs ha detto: "Non saremo in grado di fare ciò che è necessario per stabilizzare la nostra situazione finanziaria se gli americani leggono di questi comportamenti oltraggiosi".

Insediatosi da nove giorni, Obama ha detto che lui e Geithner invieranno un messaggio a Wall Street in cui diranno ai dirigenti che "arriverà un tempo per loro di fare profitti, arriverà un tempo di prendere bonus. Ma ora non è quel tempo".