Usa, aereo finisce nel fiume Hudson, salvi tutti i passeggeri

venerdì 16 gennaio 2009 08:29
 

NEW YORK, 16 gennaio (Reuters) - Un aeroplano della US Airways LCC.N con 155 persone a bordo è finito ieri nel gelido fiume Hudson, fuori da Manhattan, dopo aver colpito, a quanto pare, uno stormo di oche e funzionari hanno riferito che si sono salvati tutti.

"Abbiamo assistito a un miracolo sull'Hudson", ha detto David Paterson, governatore dello Stato di New York ad una conferenza stampa, definendo il pilota un eroe per aver fatto atterrare l'aereo Airbus A320 nel fiume .

"Il pilota è riuscito in qualche modo, senza motore, a far atterrare il suo aereo ... senza danni gravi", ha detto Paterson.

Il sindaco di New York Michael Bloomberg ha fatto i complimenti al pilota per aver fatto in modo che tutte le persone a bordo, compreso un bambino, fossero al sicuro.

"Il pilota ha fatto un grande lavoro facendo atterrare l'aereo nel fiume e assicurandosi che tutti avessero lasciato il velivolo", ha detto Bloomberg, notando che il pilota è rimasto calmo abbastanza per rientrare due volte nell'aereo dopo l'atterraggio per verificare che non ci fosse più nessuno a bordo.

Il pilota del volo 1549 è Chesley "Sully" Sullenberger, di Danville, in California, secondo quanto riferito da sua moglie che è stata raggiunta telefonicamente da Reuters.

US Airways ha detto che c'erano 150 passeggeri e 5 membri dell'equipaggio a bordo dell'Airbus A320, decollato dall'aeroporto di La Guardia e diretto a Charlotte, in Nord Carolina.

Poco dopo il decollo, il pilota ha comunicato via radio ai controllori di volo che aveva colpito uno stormo di volatili, hanno riferito fonti della polizia.