Eni sottovalutata per oltre 50 mld euro - Knight Vinke

mercoledì 30 settembre 2009 13:11
 

MILANO, 30 settembre (Reuters) - Il fondo Usa Knight Vinke, che detiene circa l'1% del capitale di Eni (ENI.MI: Quotazione), ritiene che la somma del valore dei diversi business del gruppo petrolifero sia pari o superiore a 30 euro ad azione. Per questa ragione Eni è sottovalutata per oltre 50 miliardi di euro.

È questa l'analisi conclusiva del fondo attivista che ha oggi chiesto in un pubblico dibattito la separazione fra la produzione di petrolio e gas e la distribuzione, realizzando una oilco e una gasco ognuna delle quali controllata per il 30% dal Tesoro.

"Tale sottovalutazione è dovuta essenzialmente a due fattori: l'utility gigantesca che si trova all'interno della struttura del gruppo non valutata correttamente dal mercato; Eni è in uno stato di tensione finanziaria e lo sarebbe ancora di più qualora dovesse prendere parte in modo significativo ai piani del governo per il rilancio del nucleare. Il recente taglio del dividendo è indicativo di questa condizione" ha detto Eric Knight.

Una sottovalutazione che sarebbe superata attraverso una ristrutturazione del gruppo in cui la quota pubblica resterebbe inalterata e senza tagli ai posti di lavoro.