Eni, con scorporo attività raddoppio valore per azionisti-Knight

mercoledì 30 settembre 2009 11:14
 

MILANO, 30 settembre (Reuters) - La separazione delle attività di produzione e gas dalla distribuzione e dalle attività regolate permetterebbe agli azionisti di Eni (ENI.MI: Quotazione) di raddoppiare il valore della loro partecipazione e di ridurre i prezzi dell'energia.

E' questa l'opinione di Eric Knight, fondatore del fondo Usa Knight Vinke che stamani a Milano sta presentando le sue proposte su come cambiare la struttura del gruppo petrolifero italiano.

"Una suddivisione delle attività dell'Eni porterebbe gli azionisti e lo Stato a beneficiare del raddoppio del valore della loro partecipazione e a una riduzione dei prezzi dell'energia", ha sottolineato Knight.

Secondo il rappresentante del fondo attivista, che detiene da due anni circa l'1% di Eni, è "pura fantasia quanto ci è stato attribuito in questi giorni dalla stampa italiana sul fatto che rappresenteremmo altri azionisti o che avremmo finalità politiche. Tutto questo mostra l'ignoranza su cosa facciamo".

Knight ha rivendicato l'assoluta indipendenza del fondo "che difendiamo in modo feroce. Non siamo né un hedge fund né un equity fund e per questo la nostra posizione in Eni è a lungo termine".

Nel corso della presentazione, Knight ha più volte sottolineato di avere con il management Eni un "rapporto costruttivo. Negli ultimi due anni ci siamo incontrati più volte con l'AD Paolo Scaroni e siamo molto 'bullish' su Eni e sul suo management".