Crisi, maggiori controlli su hedge fund e fondi sovrani - Consob

mercoledì 29 ottobre 2008 15:26
 

ROMA, 29 ottobre (Reuters) - Sono maturi i tempi per l'adozione di "misure concordate" a livello internazionale in materia di trasparenza e controllo di fondi speculativi e fondi sovrani.

Lo ha detto il presidente della Consob Lamberto Cardia durante un'audizione in commissione Finanze alla Camera.

"I recenti avvenimenti sollecitano una riflessione sull'opportunità di assoggettare i fondi hedge a vigilanza, considerato il peso che hanno assunto sui mercati del credito e dei titoli e i potenziali rischi sistematici che ne derivano", ha detto Cardia.

"L'esigenza di un'adeguata cornice normativa è ancora più forte in un contesto nel quale tra i sottoscrittori degli hedge funds figurano fondi pensione e altri investitori istituzionali che raccolgono risparmio anche di piccoli investitori", ha aggiunto.

Anche sui fondi sovrani Cardia ha sottolineato che "a livello internazionale si registra un'ampia convergenza sulla necessità di un rafforzamento della trasparenza, soprattutto relativamente agli obbiettivi di investimento".

Secondo le stime del Fondo monetario internazionale, infatti, le risorse gestite globalmente dai fondi sovrani si attestano tra i 2.000 e i 3.000 miliardi di dollari, ricorda la Consob.

"Circa il 90% dell'ammontare complessivo degli asset dei fondi sovrani risulta concentrato su 11 fondi, molti dei quali con sede in Paesi mediorientali", ha spiegato Cardia.