PORTAFOGLI-Gestori Italia, scelta ciclici con prudenza selettiva

mercoledì 29 luglio 2009 13:51
 

MILANO, 29 luglio (Reuters) - Il rally che i mercati azionari hanno messo a segno a partire dal marzo scorso spinge i gestori ad essere più selettivi, ma permane una sostanziale positività riguardo ai business ciclici che pure hanno corso da qualche mese.

Questo il parere raccolto tra nove primari asset manager attivi in Italia da Reuters.

Interpellati sul tema dello spostamento del portafoglio equity su business maggiormente sensibili all'evoluzione dell'economia, per sfruttare il consolidamento della ripresa nella seconda parte dell'anno, i gestori sono sostanzialmente spaccati in due partiti, con leggero vantaggio pro-ciclico.

Sergio Bertoncini, strategist di Credit Agricole AM, dice di essere "favorevole ai ciclici, anche se in misura più contenuta rispetto a un paio di mesi fa". Marco Bonifacio, gestore di Zenit Sgr, spiega invece "non ci stiamo spostando sui ciclici", perché, nel rally partito a marzo, "hanno corso più dei difensivi".

Piuttosto che ricorrere alla classica contrapposizione ciclici/difensivi, è preferibile optare per una selezione dei settori, è un'argomentazione su cui si concorda.

"Abbiamo un overweight sugli industriali, siamo neutrali sulla parte consumer e underweight sui media", dice Bonifacio. "Tra i finanziari preferiamo gli assicurativi".

In Credit Agricole AM "privilegiamo industriali, basic materials, real estate e qualche finanziario", spiega Bertoncini. "Sottopesiamo utilities, consumer staples e healthcare. Siamo neutrali sulle tlc".

I gestori, in sostanza, sono convinti che la ripresa è in atto e che si consoliderà nella seconda parte dell'anno, ma si mantengono cauti, temendo ritracciamenti e brutte sorprese.

"Ci aspettiamo ancora tagli agli investimenti da parte delle imprese", conclude Bonifacio. Il gestore di Zenit, però, evidenzia che "il dibattito si è spostato sulla forma della ripresa: qualcuno considera possibile una ripresa a V", esclusa fino a qualche tempo fa.   Continua...