PORTAFOGLI - Posizioni stabili su borse a novembre - sondaggio

giovedì 27 novembre 2008 16:51
 

LONDRA, 27 novembre (Reuters) - Nel clima di preoccupazione per il deterioramento dell'economia globali, gli investitori hanno lasciato invariata la propria esposizione all'azionario nel mese di novembre, arrotondando le posizioni sui bond e riducendo leggermente il peso della liquidità in portafoglio.

Secondo un sondaggio condotto fra 45 primarie case di investimento negli Stati Uniti, in Giappone, in Europa Continentale e in Gran Bretagna, in media l'azionario in portafoglio si è attestato al 54,8% nel mese di novembre rispetto al 54,7% di ottobre.

La percentuale resta ben al di sotto della media di lungo periodo intorno a circa il 60%.

Il peso dei bond è cresciuto al 34,3% dal 32,3% e il cash è sceso al 5,3% dal 6,3%.

Il sondaggio suggerisce un certo grado di stabilizzazione fra gli investitori dopo il difficile mese di ottobre quando è diventato evidente che l'ecomomia stava entrando in recessione.

"L'avversione al rischio resta ancora ai massimi, ma si è evitato il rischio sistemico", ha commentato Patrick de Fraguier, head of strategy di Credit Agricole Asset Management a Parigi.

Gli investitori sono stati confortati a novembre dalla riduzione dei tassi di interesse e dai pacchetti di aiuti decisi dai governi a sostegno delle proprie economie. La Federal Reserve la lanciato ai consumatori americani un salvagente da complessivi 800 miliardi di dollari questa settimana con due programmi di aiuti che puntano ad agevolare la concessione di prestiti per l'acquisto della casa e dell'auto oltre che per le carte di credito.

Alcuni investitori sono arrivati anche a pensare che le maggiori economie potrebbero iniziare a riprendersi nel 2009.

"Il mercato americano si trova adesso proprio sul fondo (del trend al ribasso). Una volta che le misure saranno adottate, le possibilità di una rirpesa degli utili societari e dell'economia aumenteranno", ha commentato Junya Naruse, senior strategist di Mitsubishi UFJ Asset Management.