Ifi, assemblea azionisti privilegio boccia fusione con Ifil

lunedì 27 ottobre 2008 13:11
 

TORINO, 27 ottobre (Reuters) - L'assemblea speciale degli azionisti privilegiati Ifi IFPI_p.MI ha espresso un giudizio negativo sulla fusione con Ifil IFLI.MI.

La maggioranza dell'assemblea convocata a Torino, che rappresentava il 47,68% degli azionisti della categoria, ha dato il parere favorevole a un ordine del giorno presentato da un rappresentante di un gruppo di fondi che giudica negativamente l'operazione.

La maggioranza si è detta contraria alla posizione della società che non ritiene necessaria l'approvazione dell'assemblea speciale per dare via libera alla fusione.

Un secondo punto dell'ordine del giorno ritiene che l'operazione comporti un pregiudizio per gli azionisti privilegio e un terzo punto dà mandato al rappresentante degli azionisti privilegio per aprire una trattativa con la società che elimini o attenui questo pregiudizio e successivamente riconvochi l'assemblea speciale.

Il quarto punto prevede la costituzione di un fondo comune di 1 milione di euro a sostegno dell'iniziativa del rappresentante.

Mediamente le posizioni favorevoli all'ordine del giorno hanno avuto il 26,4% di voti, mentre i favorevoli alla posizione della società è andato il 21,06%.

All'assemblea era presente il 47,68% degli azionisti della categoria, tra cui il 15,37% in rappresentanza della Giovanni Agnelli & C. Sapa e della Simon fiduciaria (componenti della famiglia Agnelli).

Un gruppo di fondi, tra cui Jp Morgan, era presentete con il 13,63%, rappresentato da Arturo Albano. Un 5,56% di altri fondi fa capo allo studio Trevisan. Morgan Stanley era presente con il 6,04%.

In conclusione dell'assemblea è stato comunicato che l'1 dicembre prossimo si terranno le assemblee straordinarie di Ifi e Ifil per l'approvazione della fusione.