Merrill, Bernanke afferma di non aver minacciato Bank of America

giovedì 25 giugno 2009 16:43
 

WASHINGTON, 25 giugno (Reuters) - Il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, difende l'operato della banca centrale nella vicenda Merrill Lynch-Bank of America parlando dinanzi alla Commissione della Camera Usa per la vigilanza e le riforme governative.

Bernanke nega di aver minacciato i dirigenti Bank of America (BAC.N: Quotazione) affinché la fusione con Merrill Lynch andasse in porto o di averli spinti a tenere segrete le notizie negative su Merrill.

La Commissione ha accusato la Fed di aver nascosto dettagli di rilievo alle altre autorità federali e di aver interferito nella fusione.

"Nè io nè alcun membro della Federal Reserva ha mai spinto, ordinato o consigliato Bank of America affinché tenesse segrete informazioni inerenti Merrill Lynch", ha detto Bernanke nel discorso preparato per l'audizione davanti alla Commissione della Camera.