Cinema in salute nei periodi di crisi economica - Ben Ammar

martedì 24 febbraio 2009 19:08
 

MILANO, 24 febbraio (Reuters) - Il cinema va bene nei periodi di crisi, perché costa poco e distrae. Parola di Tarak Ben Ammar, la cui casa di produzione cinematografica americana ha appena vinto due Oscar.

"Sono un uomo di cinema", è l'esordio del mediatore d'affari all'uscita dal cda di Mediobanca (MDBI.MI: Quotazione), in piazzetta Cuccia. "Sarei dovuto essere a Hollywood a festeggiare, invece sono qui".

The Weinstein Company, la casa di produzione che Ben Ammar ha fondato con Goldman Sachs (GS.N: Quotazione) e i fratelli Weinstein, infatti, ha vinto due Oscar. "Il primo è andato a Kate Winslet (attrice protagonista) con 'The reader', il secondo a Penelope Cruz (attrice non protagonista) con 'Vicky Cristina Barcelona'".

Weinstein, ha spiegato Ben Ammar, ha prodotto e distribuito 'The reader' e ha distribuito negli Usa il film di Woody Allen.

"Il cinema va bene nei periodi di crisi", ha argomentato Ben Ammar. Anche la telefonia è un settore di natura anti-ciclica, ha aggiunto l'imprenditore tunisino, che siede anche nel consiglio di Telecom Italia (TLIT.MI: Quotazione).