Banche a picco in preborsa Usa, Goldman perde -12%, JPM -8%

venerdì 24 ottobre 2008 15:01
 

24 ottobre (Reuters) - Vendite accanite sulle banche Usa già nel pre-mercato sembrano annunciare una seduta da dimenticare per il settore, se non per l'intero listino Usa.

Tutti i maggiori istituti sono cedenti, con la regina superstite di Wall Street, Goldman Sachs (GS.N: Quotazione), in discesa del 12% a 95,65 dollari e Morgan Stanley (MS.N: Quotazione) ancora più penalizzata a -14,1% a 15,53.

Calo a due cifre anche per Merrill Lynch MER.N, -12,3% a 15,35 dollari, mentre Bank of America (BAC.N: Quotazione), che l'ha appena acquistata, arretra del 9% circa a 20,90.

La lettera non risparmia nessuna delle grandi: per Citigroup Inc (C.N: Quotazione) la discesa è 9,6% a 11,85 dollari, JPMorgan Chase (JPM.N: Quotazione) perde 7,8% a 34,90. Non sono da meno Wachovia Corp WB.N, la cui perdita è 8,7% a 5,26 dollari, e la promessa sposa Wells Fargo (WFC.N: Quotazione), -7,8% a 28,90 dollari.

Tra i settori che segnalano un pessimismo preborsa anche i tech: Google (GOOG.O: Quotazione) cala di oltre 8% a 322 dollari, Apple (AAPL.O: Quotazione) scende allo stesso ritmo e si porta a 90,12.