Torri, nodo valutazione su strada accordo Dmt-Atlantia - fonti

venerdì 26 settembre 2008 15:23
 

di Massimo Gaia

MILANO, 26 settembre (Reuters) - L'accordo fra Digital Multimedia Tecnologies DMT.MI e Atlantia (ATL.MI: Quotazione) sulle torri di trasmissione potrebbe essere definito nel giro di qualche settimana.

E' quanto riferiscono diverse fonti vicine al dossier.

Il negoziato è stato avviato nell'estate scorsa sulla base dell'ipotesi di un conferimento a Dmt della struttura societaria, TowerCo, che ha in pancia le circa trecento torri che fanno capo alla società guidata da Giovanni Castellucci. In cambio, Atlantia riceverebbe una quota di Dmt.

La trattativa pareva in via di conclusione a inizio agosto, ma si è arenata sul punto della valutazione degli asset. "Atlantia ha in mano uno studio di Rothschild" del 2007, riferisce una fonte, "che attribuisce a TowerCo una valorizzazione di circa 300 milioni di euro". Ai prezzi attuali, Dmt capitalizza circa 200 milioni. "E' del tutto evidente", spiega una seconda fonte, "che (Alessandro) Falciai (azionista di riferimento di Dmt) non può svendere la società".

Il nodo, dunque, è trovare un punto di incontro fra la valutazione di Dmt e quella delle torri di Atlantia, che hanno una valenza strategica perché "consentono la ricezione mobile lungo la dorsale autostradale", sottolinea un analista. Ma il deal, scommettono fonti e analisti, si farà. Del resto, lo stesso Castellucci, il 10 settembre scorso, ha confermato che c'è una trattativa, mentre ha smentito le indiscrezioni di stampa su un interesse per le torri di Telecom Italia (TLIT.MI: Quotazione).

"Credo che si chiuderà entro novembre", pronostica una delle fonti.

DMT SOTTO PREZZO IPO, FALCIAI NON VUOLE SVENDERE   Continua...