PUNTO 1 - Safilo e Marcolin, forti rialzi teorici, dubbi mercato

martedì 22 settembre 2009 13:38
 

(riscrive aggiornando quotazione, aggiunge commenti analisti e background)

MILANO, 22 settembre (Reuters) - Safilo (SFLG.MI: Quotazione) e Marcolin (MCL.MI: Quotazione) non riescono a trattare in borsa per eccesso di rialzo in un mercato che ragiona su un nuovo interesse per Safilo, da parte dei Della Valle o di un fondo già azionista, come ipotizzato da indiscrezioni stampa odierne.

Intorno alle 13,30 italiane Safilo segna un progresso teorico del 34% circa a 0,67, Marcolin avanza teoricamente del 13% circa a 1,86 euro.

La Consob, tramite l'aggiornamento delle partecipazioni rilevanti, ha ufficializzato la presenza di Diego Della Valle, patron di Tod's (TOD.MI: Quotazione), nel capitale di Safilo con una quota del 2,06% circa.

Essendo Della Valle, insieme al fratello Andrea, azionista del concorrente Marcolin con una quota complessiva intorno al 40%, il mercato torna a ragionare, grazie alle ipotesi della stampa oggi, su un eventuale progetto di fusione Safilo-Marcolin.

Secondo le indiscrezioni dei giornali, la partecipazione rilevata una settimana fa da Della Valle è strategica e potrebbe essere finalizzata a una fusione Safilo-Marcolin. Secondo La Repubblica anche Hal Holding, azionista di Safilo con una quota del 2,08%, potrebbe essere interessato a un'offerta sulla società veneta.

Al momento non è stato possibile avere un commento dai soggetti coinvolti nella vicenda.

Intermonte appare scettico sulla validità di un'operazione Safilo-Marcolin, privilegiando un eventuale coinvolgimento di Luxottica (LUX.MI: Quotazione). "Escludiamo la possibilità che tale mossa [Della Valle al 2% del capitale] possa spingere verso una fusione tra Safilo e Marcolin: pur assumendo introiti per 80-100 milioni per la cessione degli asset non core, a una simile fusione dovrebbe seguire un'iniezione di nuovi capitali per ulteriori 100-150 milioni", è scritto in un report.   Continua...