M&C, slitta perfezionamento acquisto 5,3% da parte di Nati

venerdì 21 agosto 2009 17:41
 

MILANO, 21 agosto (Reuters) - Alessio Nati precisa che il perfezionamento dell'acquisto del 5,3% del capitale di Management & Capitali (MACA.MI: Quotazione), previsto originariamente per oggi, "è stato posticipato ad una data da definirsi nel corso della prossima settimana".

Lo slittamento del pagamento delle azioni, si legge in una nota diffusa da Nati, è dovuto a "ragioni meramente tecniche".

Su richiesta della Consob, l'amministratore delegato di Investimenti e Sviluppo (IES.MI: Quotazione) dice che il pacchetto azionario è stato pagato 0,14 euro per ogni titolo, per un esborso complessivo di 3,5 milioni di euro.

A vendere a Nati è Sal.Oppenheim che deteneva una quota del 5,3%.

Nati aggiunge che, "ferma la possibilità che ulteriori azioni di M&C siano acquistate prossimamente, alla data odierna, non sono stati conclusi accordi in tal senso, né sono stati conclusi accordi rilevanti ai sensi dell'articolo 122 del Tuf", ovvero l'articolo che si occupa dei patti parasociali.

Il legame di parentela acquisita fra Nati e Carlo De Benedetti ha indotto diversi organi di stampa a ipotizzare che i due agiscano di concerto. Anche Romed, la finanziaria di De Benedetti, ha smentito l'esistenza di patti con altri soci di M&C.

Nati fornisce anche una motivazione dell'acquisto della partecipazione nell'investment company, cioò "assumere una voce di rilievo nell'assemblea della società", soprattutto se la quota venisse "ulteriormente incrementata rispetto al 5,3%".

In ogni caso, aggiunge Nati, l'investimento in M&C va inquadrato "nell'ambito del suo più ampio interesse per le società ad alto potenziale di ritorno sull'investimento nel medio termine".

Infine, Nati smentisce le indiscrezioni di stampa riguardanti l'intenzione di lasciare la carica di amministratore delegato di I&S.