Borsa Usa riduce perdite con energia, tlc, in calo banche, tech

giovedì 19 febbraio 2009 19:57
 

NEW YORK, 19 febbraio (Reuters) - Wall Street prova a risalire la china dalle perdite della mattinata in una seduta con scambi ridotti e segnata dai nuovi timori del mercato sull'economia e sulle incerte prospettive del settore bancario.

Tornano gli acquisti sui titoli energetici e tlc a fronte dei cali dei big cap tecnologici e bancari.

Gli ultimi dati macro relativi al mercato del lavoro e all'attività economica della regione medio-atlantica hanno inferto una nuovo colpo alla già debole economia americana mentre il mercato cerca di ragionare sulla posizione delle banche in questa fase di crisi economica.

"Il mercato comprende la posizione in cui si trovano le banche: possono diventare insolventi ma sono comunque importanti per l'economia e per gli interventi della Fed per contrastare la crisi", dice Rob Stein, managing partner di Astor Asset Managementi a Chicago.

Tra i singoli titoli Chevron (CVX.N: Quotazione) sale dell'1,7% sulla scia del balzo del prezzo del petrolio dopo l'intatteso calo delle scorte di greggio nell'ultima settimana.

Tra i big del settore bancario Bank of America (BAC.N: Quotazione) perde oltre il 9% sopra i minimi di seduta, mentre Citigroup (C.N: Quotazione) affonda dell'11%. Per entrambe pesano le preoccupazioni sul piano del governo per assorbire i cosiddetti 'bad asset' dai propri bilanci. L'indice KBW della banche è sceso ai minimi dal 1992.

La deludente trimestrale ha alimentato la lettera su Hewlett-Packard (HPQ.N: Quotazione) in calo del 9,4%, mentre sul Nasdaq Apple (AAPL.O: Quotazione) scivola del 4% circa. *

Alle 19,50 italiane il Dow Jones cede lo 0,4%, lo Standard & Poor's 500 .SPX perde lo 0,14%, mentre il Nasdaq .IXIC cede lo 0,5%%.