Polizze legate a Lehman, assicurati esposti, compagnie valutano

martedì 16 settembre 2008 18:16
 

MILANO, 16 settembre (Reuters) - Le polizze vita index-linked che hanno come sottostante bond Lehman LEH.M raggiungono un ammontare gestibile per il sistema assicurativo italiano, mentre rappresentano un problema per chi avendo sottoscritto prodotti garantiti da Lehman e non dall'assicurazione scopre oggi che il rimborso del capitale rischia di essere limitato a un 20/30% del totale. "Per le compagnie l'ammontare totale è assolutamente gestibile e quindi potrebbero decidere per il rimborso a loro carico, anche se non è dovuto perchè i prospetti delle polizze spiegavano i rischi a carico del contraente in caso di fallimento di Lehman" commenta una fonte di settore.

"E' piuttosto una decisione di politica industriale: privilegiare la propria reputazione, che verrebbe intaccata da prodotti della compagnia che alla fine non vedono rimborsato il capitale a scadenza, o invece non creare un precedente che potrebbe essere invocato in eventuali casi futuri? Di sicuro la scelta è all'esame delle singole compagnie" aggiunge.

La stipula di polizze vita index linked garantite da bond Lehman prevede infatti il rimborso ad eccezione del fallimento dell'emittente. In questo caso il rischio insito nel prodotto indicizzato ricade sull'assicurato.

A oggi, dice un'altra fonte, sono state individuate una trentina di polizze index-linked legate a Lehman emesse in Italia, un terzo delle quali negli ultimi 12 mesi.

Dalle compagnie intanto iniziano lentamente ad emergere i primi dati: Mediolanum MED.MI ha reso noto che l'esposizione delle polizze del gruppo verso Lehman Brothers, pari allo 0,5% degli asset del gruppo, ammonta a 213 milioni di euro di valore nominale e a circa 160 milioni di valore di mercato al 29 agosto, ultima data di valorizzazione.

In tema di rischio delle polizze, il portavoce della società, ricordando che è a carico degli assicurati e non della compagnia, aggiunge che il gruppo sta monitorando gli sviluppi della situazione.

"Il problema è che chi ha sottoscritto una polizza index-linked nella maggior parte dei casi non sapeva della possibilità di non rivedere quanto investito" ammette il direttore di filiale di una banca a Milano. "Oggi i sottoscrittori rischiano concretamente di portare a casa solo quel 20/30% del loro capitale garantito da attività indicizzate e non dal bond Lehman che di solito pesava per circa l'80% del capitale investito" inizialmente.

D'altro canto, sottolinea la prima fonte, "va ricordato che il nome Lehman sino a poco fa era considerato da tutti sinonimo di garanzia".

Entro pochi giorni sono attesi i risultati dell'attività di monitoraggio a cui si stanno dedicando intesamente da ieri Bankitalia, Consob ed Isvap. Ieri le autorità di controllo hanno invitato i propri vigilati ad aggiornare la propria situazione sulle index linked collegate Lehman.

Consob ha intanto chiesto e ottenuto che sui siti delle compagnie che hanno emesso polizze legate a Lehman fosse inserito un disclaimer per segnalare il ruolo della società Usa in fallimento.