SCHEDA - Andamento titoli bancari post fallimento Lehman

martedì 15 settembre 2009 15:41
 

 NEW YORK, 15 settembre (Reuters) - Da quando è fallita Lehman Brothers, un
anno fa, i prezzi dei titoli bancari hanno avuto violenti scossoni. Ciò per
alcuni ha rappresentato una minaccia alle prospettive di salvataggio, per altri
ha aperto opportunità. 
 Tra le italiane, il bilancio delle due big del paese, Intesa Sanpaolo
(ISP.MI: Quotazione) e UniCredit (CRDI.MI: Quotazione), è ancora negativo.
 Di seguito i mutamenti nei prezzi dei titoli delle 35 principali banche e
broker a partire dalla chiusura del 12 settembre 2008: 
 Banca                                     Prezzo  Capitalizzazione (1)
 ANZ Banking (ANZ.AX: Quotazione)                       +28%          48
 Bank of China (3988.HK: Quotazione)                    +27%         147
 ICBC (1398.HK: Quotazione)                             +24%         250
 Nat Australia Bank (NAB.AX: Quotazione)                +17%          51
 Goldman Sachs (GS.N: Quotazione)                       +15%          89
 Royal Bk Canada (RY.TO: Quotazione)                    +15%          74
 Standard Chartered (STAN.L: Quotazione)                +15%          48
 China Construction Bk (0939.HK: Quotazione)            +12%         190
 Commonwealth Bk Australia (CBA.AX: Quotazione)          +9%          61
 Toronto Dominion (TD.TO: Quotazione)                    +8%          53
 Credit Suisse CSGN.VX                     +7%          64
 JP Morgan (JPM.N: Quotazione)                           +6%         167
 Barclays (BARC.L: Quotazione)                           +6%          68
 BBVA (BBVA.MC: Quotazione)                              +5%          67
 Westpac (WBC.AX: Quotazione)                            +2%          62
 Santander (SAN.MC: Quotazione)                          +1%         127
 Bank Nova Scotia (BNS.TO: Quotazione)                   -2%          43
 Credit Agricole (CAGR.PA: Quotazione)                  -10%          43
 HSBC (HSBA.L: Quotazione)                              -14%         189
 Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione)                   -15%          45
 Wells Fargo (WFC.N: Quotazione)                        -19%         128
 BNP Paribas (BNPP.PA: Quotazione)                      -19%          83
 UBS UBSN.VX                              -21%          58
 Morgan Stanley (MS.N: Quotazione)                      -23%          39
 UniCredit                                  -23%          63
 Intesa Sanpaolo                            -24%          52
 Societe Generale (SOGN.PA: Quotazione)                 -24%          45
 US Bancorp (USB.N: Quotazione)                         -35%          42
 Mitsubishi UFJ (8306.T: Quotazione)                    -37%          69
 Bank of America (BAC.N: Quotazione)                    -50%         147
 Nomura (8604.T: Quotazione)                            -50%          22
 Lloyds Banking (LLOY.L: Quotazione)                    -51%          48
 Mizuho Financial (8411.T: Quotazione)                  -57%          33
 Citigroup (C.N: Quotazione)                            -75%          52
 RBS (RBS.L: Quotazione)                                -76%          52
 (Fonte: dati Thomson Reuters)
 
 (1) = miliardi di dollari