BORSE EUROPA - Indici girano in negativo con banche, attesa Bce

giovedì 15 gennaio 2009 09:58
 

                                indici              chiusura
                              alle 10,00   var%      2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.268,06     -1,32    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        794,11     -1,25      831,97
DJ Stoxx banche          138,27     -2,17      149,51
DJ Stoxx oil&gas         261,86     -1,02      264,50
DJ Stoxx tech            145,83     -1,95      152,86
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 15 gennaio (Reuters) - Dopo un'apertura in pallido
rialzo, le borse europee sono girate in negativo, in attesa di
conoscere le decisioni della Banca centrale europea su un
probabile taglio dei tassi.
 "Questa mattina la situazione non sembra molto rosea, con il
calo degli ordini di macchinari giapponesi che ha aggravato i
dati molto deboli delle vendite al dettaglio americane di ieri.
Ci stiamo addentrando nella stagione dei risultati societari del
quarto trimestre e gli investitori sono nervosi", commenta
Bernard McAlinden, strategist di Ncb Stockbrokers.
 Sotto pressione le banche dopo che ieri Citigroup (C.N: Quotazione) e
Bank of America (BAC.N: Quotazione) hanno affossato i listini di Wall Steet
sul timore che non abbiano abbastanza capitale per fronteggiare
eventuali perdite.
 Oggi la Bce dovrebbe mettere mano a un taglio dei tassi di
50 punti base dall'attuale 2,5%, sulla scia della decisione
della settimana scorsa della Banca di Inghilterra che ha portato
i tassi inglesi al minimo record di 1,5%.
 In una situazione economica fortemente deteriorata il
petrolio continua a arretrare, con il futures a febbraio sul
greggio Usa CLc1 in calo, intorno alle 10,00, di 83 centesimi
a 36,45 dollari al barile, estenendo il declino dell'1,3% di
questa notte, mentre l'analoga scadenza sul Brent inglese
LCOc1 perde 18 centesimi a 44,90 dollari al barile.
 L'indice paneuropeo FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede oltre
l'1,2%, dopo aver chiuso ieri in calo del 4,3%, ai minimi di tre
settimane, mentre, tra i singoli listini, il britannico Ftse
.FTSE perde l'1,93%, il Cac 40 francese .FCHI l'1,61 e il
Dax tedesco .GDAXI l'1,93%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 
 * FORTIS FOR.BR FOR.AS perde oltre l'8%.
 Gli azionisti, dopo aver vinto una causa che blocca lo
smembramento della banca, hanno chiesto al governo olandese e
belga di pagare i danni fino a 9 euro a azione. 
 * DEUTSCHE POSTBANK DPBGn.DE cede oltre il 16% sui
commenti degli analisti relativamente a una possibile revisione
dei termini dell'accordo con il quale DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione)
sta comprando una quota in Postbank da DEUTSCHE POST (DPWGn.DE: Quotazione).
 
 * La crisi economica danneggia anche la vita notturna con la
società inglese di nightclub LUMINAR LMR.L in calo di oltre il
12% dopo un profit warning sui risultati dell'anno e la
decisione di non tagliare il dividendo.
 
 * HSBC (HSBA.L: Quotazione) cede oltre il 4,4% dopo un report di ieri di
Morgan Stanley su un possibile aumento di capitale della banca
inglese fino a 30 miliardi di euro e un dimezzamento del
dividendo.
     
 * DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione) è in calo di quasi il 5%. Secondo
indiscrezioni stampa, la casa automobilistica tedesca potrebbe
essere costretta a pagare centinaia di milioni di dollari per
risolvere un'indagine della Sec americana su atti presunti di
corruzione e reati fiscali.
 
 * RENAULT (RENA.PA: Quotazione) cede oltre il 4,6% dopo che
indiscrezioni stampa hanno accennato a una possibile rinuncia
allo stacco del dividendo cedendo alle richieste avanzate dal
governo francese in cambio di un aiuto per fronteggiare il
declino delle vendite.