PORTAFOGLI - Epsilon naviga turbolenze mercati con quantitativi

venerdì 9 settembre 2011 14:04
 

di Maria Pia Quaglia

* Da modelli segnali assestamento mercati ma resta cautela

* Equity flessibili a 10% da 0% luglio,punte 70% inizio 2011

* Meglio debito Italia di corporate periferici fino a 2 anni

MILANO, 9 settembre (Reuters) - Dopo la burrasca estiva, i modelli quantitativi cominciano a lanciare segnali di assestamento per i mercati finanziari; ma, secondo Epsilon sgr, conviene restare alla finestra, monitorando di continuo l'evoluzione delle variabili di riferimento.

"L'allocazione equity nei fondi flessibili è ora intorno al 10%", ha detto a Reuters, in un'intervista, Maria Bruna Riccardi, responsabile delle gestioni quantitative della società del gruppo Intesa Sanpaolo .

Seguendo il modello di "tactical asset allocation", usato per gestire la componente equity nei portafogli flessibili, bilanciati e total return, Epsilon aveva già ridotto l'esposizione azionaria a fine maggio, sostanzialmente azzerandola a fine luglio. L'esposizione media alle borse era stata significativa nei primi mesi del 2011, con punte massime vicine al 70% per i flessibili.

"Ma adesso il modello non indica di investire pesantemente nell'equity, dato che viene segnalato un alto rischio di perdita, ovvero le sue indicazioni sono in questo momento limitatamente affidabili", aggiunge Riccardi.

Sulla bilancia del modello ci sono diversi fattori: in questa fase danno indicazioni positive, tra gli altri, il "momentum", cioè come si è mosso fino a qui il mercato, indici di fiducia - già scesi ai minimi - e l'andamento degli utili delle aziende che, soprattutto negli Usa, non sono stati oggetto di revisioni al ribasso.   Continua...