Ipo Manchester United, reclutate Morgan Stanley e Jp Morgan

venerdì 19 agosto 2011 12:37
 

HONG KONG/SINGAPORE, 19 agosto (Reuters) - Il Manchester United ha reclutato Morgan Stanley (MS.N: Quotazione) e JP Morgan Chase (JPM.N: Quotazione) nella squadra di banche che curerà la quotazione a Singapore, operazione che dovrebbe portare nelle casse del club inglese 1 miliardo di dollari.

E' quanto riferiscono alcune fonti vicine all'operazione.

Global coordinator dell'Ipo è Credit Suisse CSGN.VX.

Il ruolo di co-lead è ricoperto da Boc International, Cimb (CIMB.KL: Quotazione), Dbs (DBSM.SI: Quotazione) e Clsa (CAGR.PA: Quotazione), secondo quanto si legge su Ifr.

L'attività di pre-marketing dovrebbe partire a metà settembre.

Una fonte ha spiegato che il ricavato dell'operazione verrà destinato dalla famiglia Glazer, che controlla i Red Devils, alla riduzione del debito che grava sulla società.

Il Manchester United Supporters Trust (Must), che ha sempre criticato i Glazer, ritiene che l'Ipo sarà utile soltanto per la famiglia americana, non per il club.

L'anno scorso, Must aveva tentato di organizzare un takeover del Manchester da parte di un gruppo di tifosi benestanti. Ora, secondo l'organizzazione di fan, l'Ipo renderebbe un passaggio di proprietà improbabile; costituirebbe, in sostanza, una pillola avvelenata.

Collocando il 25-30% del capitale, con l'obiettivo di incassare circa 1 miliardo di dollari, il club guidato in panchina da Alex Ferguson otterrebbe una valutazione fino a 4 miliardi di dollari.

A fine marzo, il Manchester aveva un debito di 478 milioni di sterline. Nel 2010, il club inglese ha registrato una perdita di 84 milioni di sterline.