23 giugno 2011 / 08:13 / 6 anni fa

SCHEDA - Ucits IV e riforma tassazione fondi comuni

23 giugno (Reuters) - Il primo luglio scadono i termini per il recepimento a livello nazionale della direttiva Ue nota come UCITS IV (Undertakings for Collective Investment in Transferable Securities) che riforma la normativa comunitaria in materia di OICVM (organismi di investimento collettivo in valori mobiliari) con l‘obiettivo di favorire una maggiore integrazione ed efficienza del mercato.

Lo schema di decreto legislativo di attuazione della direttiva UCITS IV dovrebbe contenere anche gli interventi di modifica delle norme in materia di fiscalità dei fondi.

Di seguito una sintesi delle principali novità:

* PASSAPORTO DEL GESTORE: permetterà alle sgr italiane di istituire e gestire fondi comuni di investimento armonizzati in altri stati membri senza necessità di costituire in loco una società di gestione; viceversa società di gestione armonizzate potranno istituire e gestire OICVM in Italia, direttamente dal proprio stato membro di origine. Secondo Assogestioni “il quadro descritto produrrà un significativo incremento della concorrenza nel mercato del risparmio gestito nazionale e comunitario che inciderà sia sul livello di efficienza richiesto ai gestori sia sulle caratteristiche che i prodotti dovranno presentare per essere competitivi”.

* ARMONIZZAZIONE PROCEDURE FUSIONE TRANSFRONTALIERE: consente di ridurre gli oneri amministrativi che gravano sui gestori che vogliano procedere ad una fusione transfrontaliera.

* DISCIPLINA DELLE STRUTTURE DI MASTER-FEEDER: consente ad un OICVM “feeder” di investire parte o tutto il proprio patrimonio in un OICVM “master” così da favorire lo sviluppo di nuove opportunità di business ed incrementare allo stesso tempo l‘efficienza della politica di investimento.

* KIID (Key Investor Informations Document): sostituisce il prospetto semplificato e si caratterizza per la sua brevità; oltre a fornire le informazioni essenziali che i potenziali investitori devono ricevere prima della sottoscrizione di un OICVM, consente un confronto su costi e profili di rischio di prodotti simili. In Italia la fase di transizione per il Kiid durerà fino al 29 febbraio 2012.

* ARMONIZZAZIONE FISCALE: la tassazione sul maturato della gestione del fondo viene sostituita con la tassazione in capo ai partecipanti al momento della percezione dei proventi come attualmente previsto per i fondi comunitari armonizzati. In materia sono attesi, entro fine mese, alcuni chiarimenti dell‘Agenzia delle Entrate.

Riguarda:

- FONDI ITALIANI E LUSSEMBURGHESI “STORICI” (autorizzati al

collocamento in Italia)

- FONDI CHE INVESTONO IN BENI DIVERSI DAGLI STRUMENTI

FINANZIARI: si tratta di organismi di investimento

collettivo del risparmio italiani, diversi dai fondi

immobiliari, che fino ad oggi non sono stati sviluppati

considerata l‘incertezza della disciplina fiscale

applicabile. Investono in crediti, titoli rappresentativi

di crediti e in ogni altro bene per il quale esista un

mercato e ai fondi comunitari non armonizzati.

- FONDI COMUNITARI NON ARMONIZZATI : quelli istituiti negli

Stati dell‘Unione europea e negli Stati aderenti

all‘Accordo sullo Spazio economico europeo (SEE) inclusi

nella cosiddetta “white list” e soggetti a forme di

vigilanza nei paesi esteri nei quali sono istituiti. In

particolare, a partire dal 1 luglio, i proventi di questi

ultimi non concorreranno più alla formazione del reddito

imponibile dei partecipanti ma saranno assoggettati alla

ritenuta del 12,5% se percepiti al di fuori dell‘esercizio

di un‘impresa commerciale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below