Derivati, Regione Piemonte vuole trattare con banche - stampa

mercoledì 8 giugno 2011 12:24
 

TORINO, 8 giugno (Reuters) - La Regione Piemonte vuole discutere con le banche, in particolare con Biis del gruppo Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione), i contratti derivati del 2006 legati a un prestito di 1,8 miliardi della giunta precedente (guidata da Mercedes Bresso).

Lo scrive Il Sole 24 Ore nell'inserto Nord Ovest del Sole 24 ore.

Il primo terreno di confronto è con Biis, a cui la Regione ha inviato lo scorso 9 marzo una lettera in cui chiede ufficialmente chiarimenti su questi contratti. Le altre banche coinvolte nel contenzioso sono Dexia (DEXI.BR: Quotazione) e Merrill Lynch (BAC.N: Quotazione).

Secondo l'analisi dell'avvocato Tommaso Iaquinta, consulente della Regione, le banche avrebbero percepito commissioni occulte per 50 milioni di cui l'ente chiederebbe la restituzione.

Biis risponde al giornale, spiegando che la lettera della regione arriverà "entro la metà di giugno", e che "l'analisi interna non ha visto emergere per ora elementi di pregiudizio per la Regione".

Dal canto suo, Merrill Lynch ha citato in giudizio la Regione Piemonte davanti all'Alta Corte di Londra mentre Dexia per ora sta a guardare l'evolversi della situazione, ricorda il giornale.

(Gianni Montani)