Zona euro,FMI chiede a Ue risposta più forte a problemi debitori

venerdì 20 maggio 2011 15:56
 

DUBLIN, 20 maggio (Reuters) - I politici della zona euro devono varare una serie di misure più ampie per affrontare la crisi debitoria del blocco in maniera decisa, sborsando più fondi per tenere a galla i paesi.

Lo ha detto oggi un alto funzionario del Fondo Monetario Internazionale.

E' anche cruciale che la Banca centrale Europea continui a sostenere la liquidità di quei paesi con problemi nel settore bancario secondo Ajai Chopra, responsabile della missione in Irlanda del Fondo. "Un elemento chiave di una soluzione europea di ampio respiro è una struttura di gestione della crisi più forte ed estesa all'intera area. La priorità qui è di implementare velocemente un aggiornamento del EFSF (fondo di salvataggio della zona euro) che possa trattare in maniera più flessibile con la crisi a cui siamo confrontati oggi", ha detto nel corso di una conferenza stampa. "Le dimensioni e i termini del finanziamento devono essere tali da convincere i creditori privati che il peso del debito sarà sostenibile anche in scenari avversi e quindi la ristrutturazione del debito è fuori discussione", ha detto.

Tutte i paesi della zona euro hanno bisogno di accelerare "l'aggiustamento e la riforma" dei propri settori finanziari, ha detto Chopra.

"Agli stress test devono seguire, quando opportuno, ricapitalizzazioni bancarie e in alcuni casi le banche potrebbero aver bisogno di essere ristrutturate o chiuse", ha concluso.