Parmalat corre su attesa mosse fondi, pressione su Bondi

mercoledì 26 gennaio 2011 09:49
 

MILANO, 26 gennaio (Reuters) - Avvio di seduta in volo per Parmalat (PLT.MI: Quotazione), spinta dalle indiscrezioni di stampa su una prossima battaglia in assemblea promossa dai fondi azionisti.

Attorno alle 9,45 italiane, il titolo della società alimentare balza del 4,08%, a 2,23 euro, nuovo massimo dal maggio 2008. Intensi gli scambi: sono passati di mano oltre 8 milioni di pezzi, contro una media dell'intera seduta di 8,3 milioni negli ultimi trenta giorni.

Il paniere europeo del food&beverage è piatto.

"Penso siano speculazioni su quanto è stato scritto", dice un dealer, "ma certo qualcuno sta tentando di fare fuori (Enrico) Bondi".

Il riferimento è quanto scritto dal Corriere della Sera: un gruppo di fondi azionisti, a cui fa capo il 17% circa del capitale, ha preparato una lista in vista dell'assemblea degli azionisti, con l'intento di azzerare l'attuale Cda.

Un altro trader spiega la corsa del titolo con "quanto si legge".

In un report datato oggi, un broker estero alza il rating a 'neutral' da 'underperform', portando il target price a 2,3 da 2 euro. La nota sottolinea che "la prossima elezione del board (aprile) probabilmente sosterrà il titolo", mentre i fondamentali sono deboli.

In una breve nota, un broker italiano scrive che "sui fondamentali siamo neutrali... (ma) il rinnovo del Cda, insieme alle conseguenti intenzioni dell'attuale Ceo, dovrebbe essere l'unico catalizzatore del titolo nel breve termine".

Un altro broker italiano scrive: "Ci sembra plausibile che alla prossima assemblea di aprile per il rinnovo del board ci possa essere pressione sull'attuale Ceo per un maggiore focus strategico, essendo ormai sostanzialmente estinta la parte legale; che si arrivi perfino alla presentazione di una lista alternativa è però un'ipotesi più avanzata, su cui l'articolo (del Corriere della Sera) non ci sembra così ben informato da meritare pieno fondamento. Crediamo, in effetti, che esistano spazi per creazione di valore nel gruppo, con un maggiore focus strategico, e che l'assemblea di aprile possa essere un catalyst. Sui fondamentali, invece, il titolo risulta correttamente valutato".   Continua...