Goldman promette più trasparenza, lifting alla reputazione

martedì 11 gennaio 2011 17:49
 

NEW YORK, 11 gennaio (Reuters) - Facendo un passo decisivo per riconquistare la benevolenza del pubblico Usa, Goldman Sachs (GS.N: Quotazione) promette che diventerà più trasparente e rivelerà alcuni dati chiave di redditività: in attesa dei dati trimestrali della settimana prossima, quando rivelerà per la prima volta a quanto ammontano gli utili da trading in conto proprio.

Altre novità mirano a eliminare conflitti di interesse e in generale a porre la buona reputazione della banca al centro dell'attenzione dei dipendenti, mentre in conto viene tenuta anche la riforma della Finanza approvata lo scorso luglio: in tutto un documento di 63 pagine diffuso oggi che dettaglia 39 punti di cambiamento.

<^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Breakingviews on Goldman soul-searching [ID:nLDE70A0L6] Reuters Insider link.reuters.com/mej65r Factbox on US financial regulation in 2011 [ID:nN31160067] ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^>

A innescare la svolta è stata soprattutto l'iniziativa della Sec, che ha accusato la banca di aver creato e venduto Cdo (collateralized debt obligation) legate a mutui subprime senza dire che il fondo hedge Paulson & Co aveva prima scelto e poi scommesso contro questi titoli.

In luglio Goldman ha patteggiato, pagando 550 milioni, una delle maggiori multe legate alla crisi scoppiata nel 2008.

"Goldman sta cercando di ricostruire la sua immagine" commenta Alan Villalon di Nuveen Asset Management. "questo è un passo nella giusta direzione ma solo un passo, quello che gli investitori vogliono sapere è quale sia la capacità di reddito della socetà in prospettiva".

Goldman Sachs ha chiuso il 2009 con utili record a 13,39 miliardi, ma negli ultimi cinque anni i risultati sono andati su e giù come in ottovolante - da 11,6 miliardi del 2007 a 2,32 miliardi nel 2008 per poi tornare al record 2009.

Nei primo nove mesi 2010 gli utili sono stati solo 5,49 miliardi, quindi l'intero anno è atteso sotto il precedente: il 19 gennaio la banca comunicherà adottando le nuove regole di trasparenza. Un punto ampiamente trattato dal documento è anche come comportarsi con i prodotti strutturati.

Bollata da Rolling Stone con l'appellativo di "vampiro" ora Goldman promette: "in particolare il nostro approccio deve essere: chiederci non solo se 'possiamo" fare una certa cosa ma anche se 'dovremmo'. La stesura del rapporto nasce anche da incontri con oltre 200 clienti "critici" nel mondo.