7 gennaio 2011 / 17:00 / 7 anni fa

PUNTO 1 - Fondi Italia, raccolta dicembre -3,2 mld, 2010 +1 mld

* Consuntivo annuale positivo di oltre 2 mld per azionari

* Bond raccolta positiva per 17 mld nonostante ultimi mesi

* Hedge non riescono a tornare in nero

* Fuggiti quasi 25 mld dai fondi di diritto italiano

(Aggiunge dettagli, commento)

di Andrea Mandalà

MILANO, 7 gennaio (Reuters) - Proseguono i deflussi del sistema dei fondi comuni che archivia il mese di dicembre con una raccola netta negativa di 3,19 miliardi di euro ma riesce a chiudere l‘anno con un saldo positivo a oltre 1 miliardo.

A novembre, ricorda una nota di Assogestioni, il dato era stato negativo per 2,553 miliardi (dato definitivo). Ancora una volta si conferma il deflusso dai fondi di diritto italiano.

“Continua il trend negativo sulla raccolta e in particolare sembra che si sia calmata l‘euforia sul ritorno all‘azionario, nonostante a dicembre gli indici di borsa mondiali abbiano performato bene”, commenta Francesco Leghissa dell‘ufficio studi di Copernico Sim.

Guardando infatti alle singole categorie e sempre al solo mese di dicembre, gli azionari hanno registrato un afflusso per 167 milioni, ma in rallentamento dai 291 milioni a novembre e ben lontano dagli oltre 700 milioni di ottobre. Nell‘anno il consuntivo è positivo per 2,12 miliardi.

Anche grazie alle borse, in rialzo il patrimonio che a dicembre si attestato per tutto il sistema a 452,499 miliardi da 450,517 miliardi di novembre.

“La domanda da farsi è sempre che fine hanno fatto i risparmi che prima erano investiti nel risparmio gestito”, dice Leghissa.

“Guardando ai dati e in particolare ai grandi gruppi bancari, possiamo pensare che non è detto che i soldi siano stati utilizzati in liquidità o in conti correnti, ma potrebbero essere stati trasferiti verso altri asset come obbligazioni bancarie e polizze”, spiega.

BENE BILANCIATI, PROSEGUE FUGA DA LIQUIDITA’

Analizzando i trend mensili, spicca in particolare la forte preferenza per i bilanciati che hanno chiuso il mese con una raccolta di 399 milioni, da 116 milioni di novembre. Da inizio anno questa categoria di fondi ha rastrellato oltre 3,5 miliardi di euro.

“E’ un segnale che gli investitori vogliono bilanciare l‘esposizione sull‘azionario”, commenta Leghissa.

E questo a fronte di un forte deflusso di dicembre degli obbligazionari puri il cui saldo provvisorio è stato di 1,5 miliardi, oltre tre volte la fuoriuscita vista a novembre.

In particolare hanno sofferto i fondi della zona euro che insieme ai monetari di breve periodo hanno subìto le tensioni sul debito sovrano dei paesi periferici.

Per tutto il 2010 i fondi obbligazionari segnalano tuttavia una raccolta positiva per 17,2 miliardi essenzialmente per effetto trascinamento del 2009.

Nei primi mesi 2010 “si sono create grosse opportunità sul mercato delle obbligazioni ma che stanno via via scemando sia perchè la situazione economica sta migliorando sia a causa delle forti pressioni sul debito europeo e americano”, dice Leghissa.

Continua inoltre l‘emorragia dei fondi di liquidità (-2,3 miliardi, da -1,9 miliardi del mese precedente) “dovuta principalmente alle remunerazioni piuttosto basse”.

Passano in positivo i flessibili, con una raccolta a +366 milioni (-402 milioni a novembre) mentre ancora sono negativi gli hedge (-304 milioni, da -133 milioni del mese precedente).

POSITIVI ESTERI, BOOM DEFLUSSI PER ITALIANI

A livello di domicilio, i fondi di diritto italiano continuano a subìre riscatti (-3,784 miliardi, da -3,243 miliardi di novembre), mentre i fondi di diritto estero hanno registrato afflussi per 596 milioni (+691 miliardi a novembre).

Nell‘anno i quasi 25 miliardi fuggiti dalla sgr italiane si confrontano in una entità di afflussi per i fondi di diritto estero addirittura superiore (oltre 25,7 miliardi).

“I fondi esteri la fanno ancora da padroni in Italia, sia per la raccolta che per il patrimonio. Non si tratta solo di una questione fiscale ma anche per un modo diverso di gestire, per una diversa struttura organizzativa”, dice Leghissa.

Va ricordato che i dati sulla raccolta dei fondi di diritto estero sono provvisori, in quanto il risultato complessivo sarà reso disponibile con la pubblicazione trimestrale della nuova mappa del risparmio gestito.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below