3 gennaio 2011 / 12:38 / 7 anni fa

Fusione Porsche/VW, strada in discesa dopo sentenza Usa

* Principale ostacolo a merger eliminato da giudici

* Fondi hedge chiedevano 2 miliardi danni a Porsche

* Titolo Porsche vola in borsa

FRANCOFORTE, 3 gennaio (Reuters) - Vola alle stelle il titolo Porsche SE (PSHG_p.DE), spinto dalla buona notizia che un tribunale Usa ha respinto la richiesta di danni da 2 miliardi di dollari da parte di fondi hedge, di fatto sgombrando l‘ostacolo principale all‘annunciata fusione con Volkswagen (VOWG_p.DE).

“Consideriamo (la notizia) ...positiva per i soci Porsche, dato che l‘impedimento più rischioso per la fusione è stato cancellato” sintetizzano gli analisti di Credit Suisse.

In pendenza della causa Volkswagen rischiava di non riuscire a incorporare Porsche l‘anno prossimo, mentre la decisione apre anche la strada al programmato aumento di capitale della casa automobilistica produttrice della Carrera.

Con la sentenza ”la strada si sgombra“ per la ricapitalizzazione Porsche da 5 miliardi di euro nel primo semestre 2011” per l‘analista DZ Bank Michael Punzet.

Giovedì 30 in serata il giudice distrettuale Harold Baer ha ritenuto infondata la causa per frode finanziaria presentata da gestori hedge come Elliott Associates e Black Diamond Offshore Ltd, che contestavano le manovre non trasparenti con cui Porsche aveva tentato di scalare VW nel 2008, portandola tra l‘altro brevemente a essere il titolo più capitalizzato al mondo.

In particolare i fondi si erano ritenuti danneggiati dagli acquisti nascosti - del tipo equity swap - che avevano consentito a Porsche di acquistare azioni Volkswagen (di recente anche la spagnola ACS (ACS.MC) ha ammassato segretamente quasi il 30% di Hochtief (HOTG.DE)).

Nel momento in cui Porsche rivelò - nell‘ottobre 2008 - di avere in portafoglio il pacchetto VW i titoli della casa esplosero letteralmente e gli hedge - che avevano scommesso al ribasso - persero miliardi.

La decisione del giudice è inoltre formulata in modo (“dismiss with prejudice”) che molte delle richieste dei ricorrenti non potranno essere ripresentate.

Ieri Volkswagen ha tra l‘altro annunciato che l‘AD Martin Winterkorn resterà sino al 2016.

Alle 13,30 italiane il titolo Porsche viaggia in rialzo del 12,3% a 67,03 euro, dopo un massimo a 69,34 e anche VW sale del 3,4% (stoxx di settore .SXAP +2,4%).

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below