ASSET ALLOCATION ITALIA - Sondaggio Reuters Lipper dicembre

mercoledì 22 dicembre 2010 15:24
 

* Più gestori prevedono di aumentare rischio nel breve

* Più ottimismo per bond emergenti * Aumenta peso materie prime, ciclici

MILANO, 22 dicembre (Reuters) - Portafogli stabili in vista della chiusura del 2010, ma il rischio è destinato ad aumentare con l'anno nuovo.

I gestori che hanno partecipato al sondaggio prenatalizio Reuters-Lipper continuano in larga parte a sovrappesare l'azionario e a sottopesare l'obbligazionario. La propensione al rischio è destinata tuttavia a salire con l'anno prossimo: si moltiplicano infatti quanti dichiarano di voler aumentare l'esposizione all'azionario nei prossimi tre mesi, riducendo parallelamente il peso del debito in portafoglio.

Un incremento che, in un orizzonte di breve periodo, dovrebbe riguardare tutte le piazze azionarie globali, quelle emergenti in misura leggermente maggiore.

L'indagine di dicembre, a cui hanno preso parte otto primari asset manager attivi in Italia, conferma la fotografia del mese scorso in termini di allocazione aggregata: l'equity continua a rappresentare poco meno del 52% degli attivi medi di un portafoglio bilanciato (il 51% se si considera la mediana), l'obbligazionario in media il 40,75% (40% con la mediana) e la liquidità un abbondante 6%. "L'idea di fondo è che vedremo un 2011 positivo per l'equity - come avvenuto nella seconda parte del 2010 - innanzitutto per motivazioni fondamentali", ha detto Nicola Trivelli, direttore investimenti di Sella Gestioni citando valutazioni "non eccessive, in alcuni casi interessanti". L'abbondante liquidità sui mercati, assicurata dalle politiche accomodanti della principali banche centrali, e uno scenario obbligazionario più negativo, secondo il gestore, "sposteranno i flussi sul mercato azionario".

Le borse mondiali .MIWD00000PUS si preparano ad archiviare l'anno con guadagni poco superiori al 9% dopo l'oltre 30% del 2009, anno della ripresa dei mercati dopo il tracollo dovuto alla crisi economico-finanziaria. I listini emergenti .MSCIEF ad oggi hanno registrato un rialzo di circa il 13,5% dopo il +74,5% dell'anno scorso.

Fra le piazze azionarie si conferma la preferenza per le borse emergenti e i listini del Vecchio Continente.   Continua...