PORTAFOGLI - Swisscanto vede rally fine anno, piace IntesaSP

lunedì 22 novembre 2010 10:41
 

* Sovrappeso su equity ma storno listini non è finito

* Molti emergenti non più a buon mercato, cara l'India

* Meglio investire su società aurifere che comprare oro

MILANO, 21 novembre (Reuters) - La breve correzione dei listini azionari non è finita, ma gli investitori potranno contare sul tradizionale rally di fine anno.

Parola di Thomas Haerter, responsabile della strategia di investimento di Swisscanto che annovera, fra i suoi titoli preferiti, IntesaSP (ISP.MI: Quotazione).

"Pensiamo che il mercato fosse eccessivamente ottimistico sul QE2 (l'ultima manovra espansiva della Fed ndr) e questo è il motivo dell'attuale fase di storno, ma continuiamo ad aspettarci sorprese macro positive dagli Usa", ha detto Haerter, prevedendo un'ulteriore discesa delle borse del 3-5%. "Quindi il rally di fine anno è rimandato, ma in chiusura del 2010 i prezzi saranno più elevati", ha aggiunto. Il 2011 si preannuncia un anno difficile, invece, per i titoli di stato.

"Vedremo una normalizzazione del contesto dei rendimenti e pensiamo che la Fed alla fine riuscirà a far risalire i prezzi", ha detto lo strategist. "A medio termine, vediamo rischi di surriscaldamento (delle economie) nel mondo emergente".

IN SOVRAPPESO SMALL E MEDIUM CAP, PREDE M&A

Nell'attuale contesto, la sgr delle banche cantonali svizzere - che a fine settembre gestiva circa 45 miliardi di euro - continua a sovrappesare l'azionario, preferendo le emissioni societarie e high yield ai titoli governativi per ragioni essenzialmente valutative.   Continua...