October 5, 2010 / 11:51 AM / 7 years ago

PUNTO 2- Coin, Clessidra e Carlyle interessati a quota controllo

3 IN. DI LETTURA

(riscrive in parte aggiungendo interesse Carlyle)

MILANO, 5 ottobre (Reuters) - Due fondi di private equity, Clessidra e Carlyle, sono usciti ufficialmente allo scoperto esprimendo un potenziale interesse per la quota di controllo del gruppo retail Coin GCN.MI.

Clessidra ha dichiarato che potrebbe presentare una manifestazione di interesse in cordata con un fondo internazionale, mentre Carlyle ha definito Coin "asset di grande interesse" e ha aggiunto che l'ha già iniziato a guardare.

"E' una bellissima azienda con un ottimo management", ha dichiarato Claudio Sposito, AD e presidente del fondo Clessidra a margine di un convegno sul private equity organizzato da Mergermarket.

"E' un'operazione di grandi dimensioni, potremmo farla magari in cordata con qualche player internazionale", ha aggiunto Sposito, precisando che è un'operazione "da fondi".

"Coin attiverà parecchio interesse, soprattutto tra i grandi fondi. Noi la guarderemo di sicuro, abbiamo già cominciato", ha dichiarato Marco De Benedetti, responsabile in Italia del fondo di private equity, senza precisare se una eventuale iniziativa sarà in cordata.

Il titolo ha accelerato sulla notizia del possibile interesse di Clessidra e poco dopo le 14,30 guadagna oltre il 7% a 7,95 euro con scambi oltre tre volte la media di un'intera seduta.

Ieri una fonte ha riferito a Reuters che le manifestazioni di interesse sono attese attorno alla prima settimana di novembre. La valutazione del 100% di Coin, secondo diverse fonti, si aggira intorno a 1,5 miliardi contro una capitalizzazione di mercato di circa 1,1 miliardi.

Tra i soggetti interessati, sempre secondo le fonti, ci sono anche Apax, Cinven e Tpg, quest'ultimo in cordata con Investindustrial. Advisor finanziario di Tpg è Credit Suisse.

Attualmente, la quota di controllo di Coin fa capo a Pai Partners riunita in una holding, la Financiere Tintoretto, in cui hanno una partecipazione di minoranza anche esponenti della famiglia Coin.

L'operatore di private equity francese, dicono le fonti, ha scelto come adviser Ubs e Mediobanca.

Il 22 settembre scorso l'azionista di controllo aveva informato, tramite una nota, di aver chiesto a Coin l'accesso ai documenti "nel contesto dello studio di alternative strategiche per la valorizzazione della partecipazione".

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below