PUNTO 1 - Ue mira a maggiori controlli per scambi materie prime

lunedì 20 settembre 2010 18:26
 

(riscrive aggiungendo conferma giunta da Barnier)

BRUXELLES/PARIGI, 20 settembre (Reuters) - La Commissione europea mira a frenare la crescente speculazione e la volatilità sui mercati delle materie prime utilizzando il suo più ampio progetto di riforma dei mercati finanziari.

Lo ha confermato oggi Michel Barnier, commissario europeo per i servizi finanziari, dopo l'anticipazione fatta stamane a Reuters da un funzionario.

"La revisione della Mifid (Market in Financial Instruments Directive) è uno degli elementi chiave di un'ambiziosa riforma dei mercati delle materie prime", ha detto Barnier nel corso di una conferenza, sottolineando che la regolamentazione del mercato delle materie prime è una delle priorità della sua agenda.

"Siamo pronti ad andare oltre. Questo è un argomento chiave. Non esiteremo a considerare ulteriori misure".

I mercati delle commodity sono sotto pressione per rafforzare la regolamentazione mentre gli Stati Uniti portano avanti iniziative per frebare la speculazione.

La scorsa settimana l'esecutivo Ue aveva già annunciato l'intenzione di includere le materie prime nell'attuale revisione dei mercati dei derivati, ma non aveva fornito dettagli.