Cdp, non è a odg conversione privilegiate fondazioni - Guzzetti

lunedì 5 luglio 2010 13:55
 

MILANO, 5 luglio (Reuters) - Il tema della conversione delle azioni privilegiate delle fondazioni nella Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) in ordinarie non è all'ordine del giorno.

Lo ha detto Giuseppe Guzzetti, presidente di Fondazione Cariplo e Acri, a margine di un evento a Milano.

"Al momento questo tema non è stato affrontato, non è all'ordine del giorno", ha detto a chi gli chiedeva se il recente scambio di partecipazioni tra Cdp e Tesoro potesse far tornare di attualità il tema.

La scorsa settimana il cda della Cdp ha deliberato la cessione delle partecipazioni in Enel (ENEI.MI: Quotazione), Poste Italiane e Stm (STM.MI: Quotazione) in cambio di una quota che il ministero ha nell'Eni (ENI.MI: Quotazione).

Di recente le fondazioni azioniste della Cdp hanno siglato un accordo con il Tesoro che congela per tre anni la conversione delle azioni privilegiate, ha ricordato Guzzetti.

"Per quanto riguarda le fondazioni abbiamo rinnovato a inizio anno quindi per tre anni c'è questo regime di azioni privilegiate, poi si vedrà", ha spiegato.

"In base all'accordo questa è la scadenza poi non si esclude nulla", ha concluso Guzzetti.