ASSET ALLOCATION ITALIA - Sondaggio Reuters Lipper maggio 2010

lunedì 31 maggio 2010 15:00
 

* Conferma peso equity, ma si sposta da zona euro a Usa

* Ridimensionato peso bond zona euro

* Aumenta gradimento settori ciclici, non per bancari

MILANO, 31 maggio (Reuters) - I portafogli dei gestori reagiscono alla crisi della zona euro con uno spostamento - sia per l'equity che per i bond - verso i titoli di altri mercati. La crisi dei conti pubblici non ha però intaccato la fiducia nella ripresa economica globale, ancorata ai buoni fondamentali dell'economia reale.

Sono queste alcune delle tendenze emerse per maggio 2010 dal consueto sondaggio che Reuters-Lipper conduce fra otto gestori di primo piano in Italia.

Confermato il peso dell'allocazione azionaria al 48,0% in media, mentre la mediana mostra un ritocco in positivo a 47,0 da 46,5%. Scende di circa un punto e mezzo percentuale il peso dell'equity della zona euro, sia a livello di media che di mediana, compensato principalmente da un aumento del peso del Nord America. Invariato al 43,75% il peso medio dell'obbligazionaria, che però evidenzia un calo, dal 47,5% al 46,0%, a livello di mediana.

Nessun gestore ha in programma una riduzione del peso dell'equity. Un risultato che trova conferma nelle parole di Alessandro De Carli, responsabile dei fondi quantitativi di Eurizon. "Consolidamento della ripresa - soprattutto negli Stati Uniti - crescita degli utili societari e valutazioni contenute dopo l'ultima discesa dei mercati sono tre elementi per rimanere positivi sull'equity", spiega De Carli.

Della stessa idea Sergio Bertoncini, strategist di Amundi: "I fondamentali mostrano segnali positivi. Negli Usa abbiamo dati sorprendenti sull'occupazione, con revisioni al rialzo anche dei dati precedenti e i consumi sono andati bene nel primo trimestre".   Continua...