Fondi, richiesti benchmark depurati da rischio debito zona euro

venerdì 21 maggio 2010 15:55
 

LONDRA, 21 maggio (Reuters) - Alcuni asset manager stanno adattando i portafogli rivolti agli investitori sul reddito fisso di lungo termine, spinti dalla crisi del debito sovrano a chiedersi se sia opportuno mantenere l'esposizione a emittenti in difficoltà come la Grecia.

Tradizionalmente, gli investimenti di lungo periodo in buoni di Stato della zona euro seguono un indice che riflette l'insieme delle emissioni da parte di tutti i membri dell'Unione monetaria. Ma i timori sulla stabilità finanziaria a lungo termine e sulle necessità di rifinanziamento di paesi come la Grecia hanno portato alcuni investitori a chiedere benchmark personalizzati senza il debito di alcune economie periferiche.

Paesi come Grecia, Portogallo e Spagna valgono quasi il 15% del totale di 4.700 miliardi di euro del debito della zona euro.

"Abbiamo parlato con alcuni investitori di passare da un indice comprensivo di tutti i paesi membri della zona euro a uno più conservativo, che elimina la Grecia e alcuni mercati di secondo piano", ha detto Antoine Lesne, product engineer sul reddito fisso di State Street Global Advisors (STT.N: Quotazione).

Alcuni investitori lo hanno chiesto anche prima che la crisi del debito arrivasse ai livelli attuali. "Erano già preoccupati dalla situazione del deficit e dagli ostacoli che alcuni paesi potrebbero incontrare nel rifinanziamento".

Secondo Scott Thiel, capo del reddito fisso europeo di BlackRock, "se ci sono dubbi sulla tenuta a lungo termine di alcuni paesi, è naturale discutere della loro inclusione nell'indice. E' una conseguenza logica di quanto è successo qui", ha detto Thiel.

Il gestore considera relativamente facile per gli asset manager personalizzare i portafogli secondo le richieste degli investitori, ma gestori 'passivi' come il fondo americano Vanguard sostengono che gli investitori di lungo periodo rischiano di restare esclusi da eventuali rally una volta che sui mercati dovesse prevalere il sollievo.

"E' una decisione per il lungo termine e il senso di un investimento passivo è proprio quello di un'esposizione ampia", osserva Didier Haencour, fixed income manager di Vanguard Investments Europe, che aggiunge come il debito greco abbia segnato un rally sull'annuncio del pacchetto di salvataggio e che la promessa del sostegno da Ue e Fmi rende sempre meno produttivo rinunciare ad Atene.

"Gli investitori cominciano a guardare con più attenzione il reddito fisso e si rendono conto solo ora di quanto rischiosi siano alcuni di questi emittenti", dice Jamie Stuttard, capo del reddito fisso europeo e britannico di Schroders (SDR.L: Quotazione). "Vediamo molte uscite da posizioni che gli investitori hanno capito essere molto rischiose".