19 maggio 2010 / 16:03 / 7 anni fa

SCHEDA-Stop tedesco allo scoperto, che impatto avrà sui mercati?

LONDRA, 19 maggio (Reuters) - Il divieto tedesco alle vendite allo scoperto "naked" (senza aver preso i titoli in prestito) su numerosi titoli tedeschi ed europei, ha fatto scendere le borse e stimolato timori per la liquidità del mercato.

L'autorità finanziaria di Berlino BaFin ha spiegato che il divieto scaturisce "dalla straordinaria volatilità vista sui bond governativi dell'eurozona" avvertendo che uno scoperto massiccio avrebbe messo in pericolo la stabilità del sistema finaziario.

Qui sotto alcune domande e risposte sui temi principali legati alla questione:

* ESATTAMENTE COSA E' INTERESSATO DAL DIVIETO?

Lo short "naked" è vietato per i bond governativi della zona euro, i cds collegati e per le 10 azioni finanziarie tedesche principali e la disposizione vale da mezzanotte del 18 maggio fino al 31 marzo 2011.

* QUALI SONO GLI OBIETTIVI DEL DIVIETO?

Soprattutto a limitare la pressione sui titoli delle economie periferiche, dalla Grecia, al Portogallo, alla Spagna. Alcuni analisti temono tuttavia che il blocco dello scoperto sia stato deciso per depotenziare qualche problema che il mercato ancora non conosce. Altri temono che la misura non funzioni o che possa risultare in un danno per la Germania se gli altri paesi non ne seguiranno le orme.

* QUALE SARA' L'IMPATTO SULLA LIQUIDITA' E PERCHE'

La decisione unilaterale di Berlino ha avuto un impatto sulla liquidità del mercato e si tene che altri seguano i tedeschi. Markit rileva che questa incertezza ha provocato una condizione "febbrile" nel mercato dei cds e ha fatto scendere la liquidità innescando per contro un aumento della volatilità. I bond corporate e i titoli finanziari con esposizione sui periferici hanno marcatamente sottoperformato il mercato, indicando un aumento della cautela verso il rischio di un default dei periferici e il taglio delle posizioni sugli asset percepiti come rischiosi.

* QUANTO SCOPERTO E SCOPERTO "NAKED" C'E' SU QUESTI ASSET?

Il divieto interessa gli istituti regolati dalla BaFin, ma non divisioni delle società tedesche operanti fuori dalla Germania. Gli analisti e i trader sottolineano che la maggior parte delle vendite allo scoperto si fa a New York e Londra ma non sono in grado di quantificare quante di queste operazioni sono fatte senza il prestito titoli.

* QUANTE POSSIBILITA' DI UN EFFETTO DECOMPRESSIONE?

Il premio chiesto per i decennali greci GR10YT=RR rispetto al Bund benchmark EU10YT=RR oggi è salito ma non è detto che si tratti di una tendenza. Nella confusione, la fuga dal rischio ha sostenuto i Treasuries US10YT=RR contro i titoli tedeschi, e questo movimento potrebbe continuare.

Inizialmente la mossa tedesca ha depresso l'euro, nel mirino di chi scommette contro la carta europea, sceso a un nuovo minimo di 4 anni EUR= contro dollaro, poi voci di mercato di una uscita della Grecia dalla Ue ne hanno accelerato un recupero già in corso che si è in buona parte mantenuto nonostante la smentita sulla Grecia. Le azioni europee perdono nel pomeriggio il 3% circa.

* QUANTO DURERA' LA REAZIONE DEL MERCATO?

Nel medio-lungo soffriranno i Bund per l'impossibilità di fare hedging vendendo allo scoperto titoli periferici, dice Sean Maloney di Nomura. L'impatto del divieto tedesco sarà legato anche al fatto che altri paesi prendano una decisione simile (importante anche quali saranno quei paesi). Se i centri mondiali della finanza - come Londra e New York - non faranno blocchi la possibilità di eludere il divieto sarà maggiore.

* COME FARANNO GLI INVESTITORI A ELUDERE IL BLOCCO?

Tra le possibilità: 1) vendere allo scoperto i titoli a New York o Londra, dato che il divieto si applica solo agli istituti sottoposti alla autorità della BaFin. 2) Comprare cds legati ai titoli finanziari tedeschi o indici come l'iTraxx Main. 3) Vendere gli ETF del Dax e comprare azioni tedesche non finanziarie, dato che i titoli delle società esportatrici, per esempio, avranno vantaggio dall'euro debole. 4) Vendere titoli correlati a quelli degli strumenti che non si possono shortare, come le azioni delle banche europee.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below