Risparmio gestito si consoliderà,3 alleanze per Mediolanum-Doris

martedì 11 maggio 2010 15:36
 

MILANO, 11 maggio (Reuters) - Il settore del risparmio gestito in Italia è destinato a un forte consolidamento e se le società non avessero, per la maggior parte, come azionisti banche o compagnie assicurative, questo processo sarebbe già avvenuto.

Lo ha detto il fondatore e AD di Mediolanum MED.MI, Ennio Doris, nel corso della presentazione di tre alleanze siglate da Banca Mediolanum con Dws Investments, gruppo Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione), Franklin Templeton Investments (BEN.N: Quotazione) e Pimco, gruppo Allianz (ALVG.DE: Quotazione).

"Sicuramente il settore è destinato ad avere un consolidamento molto forte, se le aziende non fossero controllate da banche o assicurazioni il consolidamento sarebbe già avvenuto ma, comunque, è inevitabile", ha spiegato Doris.

Parlando delle tre alleanze annunciate oggi, Doris ha spiegato che si tratta di "tre importanti accordi con player globali che gestiscono insieme oltre 7.000 miliardi di dollari, 15 volte l'ammontare del risparmio gestito italiano".

"Il settore del risparmio gestito ha subìto uno scossone violentissimo: a luglio 2007, prima della crisi, in Italia erano investiti 600 miliardi di euro, oggi 464 miliardi, ben lontani dal picco di tre anni fa. Occorre però avere dimensioni planetarie", ha proseguito.

Con Dws, Franklin Templeton e Pimco sono stati messi a punto fondi di fondi - uno azionario, un bilanciato e uno obbligazionario - focalizzati rispettivamente su sviluppo sostenibile e risparmio energetico, paesi emergenti e inflazione, con commissioni che vanno dall'1,65% al 2,25%.

L'annuncio odierno segue un'iniziativa analoga di due anni fa con Morgan Stanley (MS.N: Quotazione), JP Morgan (JPM.N: Quotazione) e BlackRock (BLK.N: Quotazione) che ha già fruttato 1 miliardo di raccolta.