Borsa, istituzionali in società Star sono esteri al 72% - studio

martedì 16 marzo 2010 12:22
 

MILANO, 16 marzo (Reuters) - La presenza di investitori istituzionali esteri nel capitale delle società italiane del segmento Star è in aumento e rappresenta il 72% del totale di 79 investitori, contro un 68% rilevato a marzo dello scorso anno.

Lo rileva uno studio, compilato - sulla base dei dati delle partecipazioni rilevanti censite da Consob al 2 marzo 2010 - da IR TOP, società italiana di consulenza in Investor Relations e Comunicazione Finanziaria.

Complessivamente gli investitori attivi sul segmento STAR in entrata sono stati 28, poco sotto i 31 che hanno ridotto le loro partecipazioni al di sotto del 2%.

Per i soli istituzionali esteri - a 57 da 56 lo scorso marzo - le new entry sono 23 contro 22 nomi che hanno portato le partecipazioni sotto a 2%.

In nuovi investitori includono Algebris Investments, Balderton Capital EU, Egerton Capital, Federated Equity Management e Goldman Sachs AM International. I fondi scesi sono Cantillon Capital Management, Columbia Wanger, Fortis Investment Management S.A. e Schroder IM.

Gli italiani che quest'anno compaiono come detentori di partecipazioni rilevanti Anima, Eurinvest Finanza Stabile, First Capital, Fondazione Caribologna e Prima SGR. Non detengono più quote rilevanti di società STAR Azimut, BG, Generali Investments Italy, Kairos Fund, Monte Paschi AM SGR e Pioneer IM.

Complessivamente le 28 new entry si sono concentrate sui settori Beni e Servizi Industriali (Servizi Italia, Interpump Group, Reno De Medici, Ansaldo STS), Commercio (Marr) e Servizi Finanziari (Mutuionline, Banca Generali).

Gli investitori STAR sono invece in uscita dai settori Edilizia, Salute, Automobili e Componentistica, Banche e Media.

Nel segmento a oggi il 67% delle società ha almeno un azionista istituzionale rilevante; il 40% delle società ne presenta almeno due: Yoox ha 7 investitori istituzionali con quote rilevanti, Interpump Group ne ha 6.   Continua...