Etf Italia,superata a gennaio barra di 14 mld euro di patrimonio

mercoledì 3 marzo 2010 16:42
 

MILANO, 3 marzo (Reuters) - Anche in Italia la marcia degli Etf (Exchange traded fund) non sembra incontrare ostacoli: gennaio ha visto crescere il patrimonio gestito in questo tipo di fondi di un altro 33,5%, poco oltre 14 miliardi di euro che confermano il trend esplosivo del 2009 (+31,6%).

Lo si legge nei dati diffusi oggi da Borsa Italiana e Lyxor, in occasione del lancio in Italia dei primi quattro Etf immobiliari della controllata di SocietÈ Generale (SOGN.PA: Quotazione).

Con questi prodotti, un mercato che è nato nel settembre 2002 con una manciata di fondi vedrà da venerdì 420 Etf quotati in Italia.

Promettono un 2010 in quarta anche i dati sull'evoluzione degli scambi. La media giornaliera a consuntivo di gennaio è 13.610 contratti (febbraio 2010 ha visto poi la giornata record di 27.043 contratti) contro i 9.688 dell'intero 2009. In valore, i 275 milioni di euro medi del primo mese dell'anno allungano del 74% i 214,4 milioni/giorno della media 2009.

Complessivamente i contratti del solo gennaio 2010 sono stati quasi 215.000, mentre nel 2009 il totale supera di poco 2 milioni.

Sempre secondo i dati di Borsa, in gennaio il valore degli scambi sul segmento Etf Plus ha superato 4,9 miliardi di euro, più di un decimo dell'intero 2009 (48,99 miliardi).

Per classe di attivo, i dati sugli asset under management di gennaio 2010 confermano la scalata prepotente degli Etf emerging markets: in gennaio 2010 rappresentavano il 20% degli Aum, contro il 9,30% di un anno prima. Netto anche il sorpasso degli Etf mercati sviluppati (36,2% degli Aum) sugli obbligazionari 34,1%, in severa contrazione dal gennaio 2009 quando rappresentavano quasi il 49% del totale (i "replicanti" di mercati sviluppati erano al 34,4%).

Sempre molto favorevole il confronto in fatto di costi per il risparmiatore, dato che il Ter (total expense ratio) degli Etf offerti in Italia è 0,37%, con un minimo per i prodotti obbligazionari (0,18%) e uno 0,48% per gli azionari: il paragone sono i fondi obbligazionari all'1,24% e gli azionari all'1,89%.

La leader in Italia su questo segmento dei fondi è proprio Lyxor, presente già all'esordio del mercato Etf in Borsa: la casa francese ha raccolto con i suoi prodotti il 68% dei contratti scambiati, il 61% del controvalore e il 47% degli Aum. Anche in gennaio i primi cinque Etf scambiati in borsa avevano il marchio di Societè Generale.   Continua...