Hedge fund, regolatore globale vuole comunicazione dati uniformi

giovedì 25 febbraio 2010 12:33
 

LONDRA, 25 febbraio (Reuters) - L'autorità di supervisione degli hedge fund a livello internazionale chiederà ai fondi di fornire dati uniformi tra le diverse giurisdizioni a partire da settembre, allo scopo di identificare più rapidamente i rischi più estesi.

E' quanto l'International Organization of Securities Commissions (Iosco), organismo di regolamentazione globale, chiede attraverso la pubblicazione di un modello rivolto ai supervisori delle diverse aree, in cui si elencano 11 tipi di dati che gli hedge fund dovranno fornire.

"La Iosco crede che i regolatori debbano provare a sviluppare categorie di dati coerenti e paragonabili, raccolti dai gestori locali degli hedge fund, per tenere sotto controllo il rischio sistemico e colmare eventuali lacune nei requisiti di reporting", dice una dichiarazione di Kathleen Casey, presidente della commissione tecnica dell'organismo.

Molti fondi di questo tipo forniscono già dati alle autorità di mercato, ma la Iosco vuole che questo venga fatto in modo sistematico e a livello globale, per rendere più facile le verifiche, le comparazioni e lo scambio di informazioni fra organismi nazionali.

La lista delle informazioni necessarie, oltre a elementi basilari come nome del fund manager, numero di fondi e nomi degli auditor, includono la performance recente, il valore totale degli asset gestiti e quello delle posizioni lunghe e corte sui diversi asset. A ciò potrebbero aggiungersi la liquidità dei vari asset gestiti, gli spread geografici, valore dei debiti, rischio netto sui crediti e le 10 posizioni principali.

La Iosco, che copre oltre il 95% dei mercati finanziari mondiali, ha poteri impositivi, ma i suoi membri, tra cui la Sec di Wall Street, si impegnano a mettere in atto linee guida concordate. L'ente ha già sostenuto la registrazione obbligatoria degli hedge fund, in linea con le richieste provenienti dal vertice del G20, che ha chiesto alla Iosco di migliorare la trasparenza del settore.

Gli hedge fund hanno sostenuto perdite pesanti durante la crisi finanziaria e sono stati accusati di aggravare la volatilità del mercato con pratiche quali l'assunzione di posizioni corte sull'equity. Da ciò è già derivata la limitazione dello short selling, pratica che ieri gli Stati Uniti hanno rinforzato.

Secondo i policymaker, il settore è eccessivamente opaco e non abbasta regolamentato, anche se l'autorità britannica ha detto ieri che gli hedge fund non presentano un grosso rischio per il sistema finanziario globale.